Buffon ci ripensa ?: “In Nazionale anche a 60 anni. Italia-Svezia la più grande delusione della mia vita”

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

buffon

Lo avevamo lasciato in lacrime in quel triste lunedì 13 novembre che ha sancito la nostra esclusione dai Mondiali di Russia. Buffon aveva commosso davvero tutti: le sue parole, stoppate più volte dal pianto singhiozzante, avevano scosso le coscienze di tanti, incriminati a largo raggio in merito alla debacle della Nazionale Italiana di calcio. La Svezia riuscì ad ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo e questo aveva reso ancor più amare le lacrime del portierone bianconero che sognava di giocare il suo leggendario sesto Mondiale in carriera, record assoluto e al momento ineguagliabile da parte di qualsivoglia calciatore in attività.
Proprio su questo punto Buffon sembra non essersi rassegnato, sa dell’importanza che rappresentano i colori azzurri e di quel netto ed imprescindibile legame. Lui che giovanissimo ha avuto la fortuna e l’onore di debuttare con la maglia della Nazionale, sogno cui aspirano tanti  calciatori in erba fin dai primi calci nelle squadre Primavera.

Buffon ci ripensa ?: “In Nazionale anche a 60 anni”

Intervenuto ieri a margine del Gran Galà del calcio, promosso dall’Associazione Italiana Calciatori, in cui ha fatto incetta di premi e riconoscimento, Buffon, presentatosi all’evento con la compagna Ilaria D’Amico e i suoi figli, si è voluto soffermare per l’occasione sul suo addio alla Nazionale Italiana di calcio, annunciato a fine gara dello spareggio Mondiale contro la Svezia.
Paradossalmente il capitano della Juve e dell’Italia sembra riaprire ad un suo ritorno con la maglia azzurra, laddove dichiara: “Mi sono preso un periodo di pausa – esordisce il portiere il portiere bianconero–. Ho una certa età. Sono sempre stato un soldato arruolato per Nazionale e Juve, quindi non posso disertare. Anche a 60 anni, se ci fosse una morìa di portieri, risponderò presente perché concepisco così l’idea di nazione“.

Ma Buffon non risparmia alcune considerazioni sull’ex commissario tecnico della Nazionale, Gian Piero Ventura:Il mister ha fatto il suo lavoro, ha fatto al meglio le sue mansioni, purtroppo noi non siamo riusciti a fare quel gol che ci avrebbe permesso di sognare e sperare. Infine, il portiere della Juventus esprime tutto il suo disappunto sull’ecatombe azzurra che è costato il Mondiale: “Italia-Svezia è stata la più grande delusione della mia vita“.

  •   
  •  
  •  
  •