“Capello contattato prima di Svezia-Italia”, lo rivela Alessandro Austini

Pubblicato il autore: Giordano Pizzari Segui

Capello, Messi più geniale di Cristiano
Tutto il movimento del calcio Italiano sta vivendo quello che è il punto piú basso mai raggiunto dalla nostra nazionale, non solo a livello sportivo; dopo quasi 60 anni, gli Azzurri non parteciperanno alla fase finale di un mondiale.

Tavecchio che, appena insediatosi ai vertici del calcio italiano, si permette di fare dichiarazioni di stampo razzista in mondovisione, è l’emblema dello stato attuale del nostro calcio. Il presidente della FIGC, subito dopo l’europeo del 2016, decise di ingaggiare Giampiero Ventura come ct della nazionale. Scelta che, di per se, non fu completamente sbagliata (parlare col senno del poi è sempre molto facile), in quanto l’ex allenatore del Torino sarebbe potuto essere l’ideale proseguimento del calcio di Conte, in quanto non distante dalle sue idee. Di sbagliato, peró, c’è che dopo la disfatta con la Svezia nessuno dei due abbia avuto la decenza di dimettersi. Ventura è stato esonerato da Tavecchio e di conseguenza continuerà a percepire il suo stipendio fino a fine contratto. Ma Tavecchio chi lo “esonera? Di dimissioni non se ne parla, a quanto pare. Ora, il capo della FIGC, è concentrato sulla scelta del nuovo ct.

Leggi anche:  Dove vedere Lazio-Milan Primavera: streaming gratis e diretta tv?

E proprio a proposito della scelta del nuovo ct, questa mattina, è intervenuto a TeleRadioStereo Alessandro Austini, giornalista de “Il tempo”. Durante un discorso nel quale si parlava dell’ideale selezionatore della prossima gestione Azzurra, il noto giornalista ha detto: “Vi do per certo una cosa: Fabio Capello è stato contattato da Carlo Tavecchio prima delle sfide alla Svezia, per affidargli la panchina azzurra in vista delle due partite di playoff più eventuali mondiali”. Dichiarazioni, quelle di Austini, che lasciano intendere come Tavecchio non abbia mai riposto molta fiducia in Ventura per il playoff contro gli Scandinavi.

  •   
  •  
  •  
  •