Federico Chiesa e Lucas Torreira tra i migliori talenti del calcio europeo

Pubblicato il autore: Mirko Mantica Segui


Nell’ultima settimana, alcune giovani promesse del calcio hanno lasciato l’impronta con le maglie dei loro rispettivi club.

Incominciamo con Martin Ødegaard. Il fantasista norvegese classe ’98 del Real Madrid ora in forza all’Hereenveen. Sul giovane ragazzo, ci si aspettava molto fin da subito, fin da quando i Blancos, a inizio 2015, riescono ad assicurarsi le sue prestazioni per circa 3 milioni di euro. Non trovando spazio in prima squadra, Martin viene ceduto in prestito all’Hereenveen, dove gioca da Gennaio. Domenica contro il Twente, Ødegaard, riesce a siglare il gol del 3-0 e anche il suo primo gol stagionale, con un gol molto semplice a porta vuota dopo una respinta del portiere.

Nel frattempo, sperando che questo gol possa dare piú fiducia a Martin, ci spostiamo da Hereenveen ad Amsterdam, dove l’Ajax rifila 8 gol al NAC Breda. Da notare, oltre al difensore De Ligt (classe 1999, ormai punto fermo della squadra di mister Keizer), David Neres, esterno destro brasiliano classe ’97, mancino, molto rapido e abile nel dribbling. Nel match di Sabato, segna il suo sesto centro stagionale in 10 presenze, impreziosite anche da diversi assist, tra cui quello molto importante per Huntelaar  nel “De Klassieker” contro il Feyenoord. Il ventenne brasiliano è sulla strada giusta e con un ottimo potenziale davanti, con la speranza di vederlo presto in un grande club in cui possa mettere in mostra a tutti le proprie qualità.

Passiamo in Italia, che dopo l’esclusione dai Mondiali in Russia del prossimo Giugno, dopo le dimissioni di Tavecchio e l’esonero di Ventura, dovrà ripartire dai settori giovanili e dai giovani ragazzi italiani. Uno di questi è sicuramente il gioiello della FiorentinaFederico Chiesa, figlio del grande Enrico, ex fantasista della Lazio. Federico è un esterno d’attacco, maestro dell’1 contro 1 e dotato di grande inventiva. Domenica è andato a segno nel pareggio per 1a1 contro la SPAL. Un gol banale rispetto ad altri gol segnati dal ragazzo, che in confronto sono dei veri e propri capolavori. Il Napoli di Sarri pagherebbe oro per averlo a disposizione, ma per ora la dirigenza viola stringe i denti per tenerlo e in settimana è riuscita a rinnovargli il contratto fino al 2022.

Sempre in Italia, ma con un anno in piú di Chiesa, troviamo Lucas Torreira in un periodo di forma stratosferico. Lucas nasce come trequartista, ma appena arrivato in Italia (primavera a Pescara), il suo allenatore Massimo Oddo, decide di cambiargli ruolo schierandolo in mediana, ruolo che ricopre attualmente. Con la sua Sampdoria, e con gran meriti di Giampaolo, il centrocampista difensivo uruguaiano sta trovando il suo habitat ideale per crescere. Centrocampista di un metro e sessantasette ma molto aggressivo e forte fisicamente, Domenica ha ridimostrato a tutti, dopo la doppietta al Chievo, di avere inoltre, un ottimo tiro da fuori, andando in gol nella vittoria per 3 reti a 2, contro la Juventus.

Ultima meta è l’Inghilterra, in Championship, nel match finito 4a5 per il  Fulham contro lo Sheffield United. Il giocatore da segnalare è Ryan Sessegnon, terzino sinistro del Fulham dotato di una buona spinta e un certo feeling col gol, tanto che Sabato ne ha fatti 3! Terzino meraviglioso che ha subito attirato su di se gli occhi di tutte le big di Premier, con lo United che sembra essere in leggero vantaggio su tutte.
Un inizio carriera a mille, con molti anni ancora davanti e magari una possibile chiamata in nazionale maggiore, che se non arriverà quest’anno, sarà l’anno dopo perchè chi ben comincia è già a metà dell’opera.

  •   
  •  
  •  
  •