Gilardino: “Prandelli nel 2014 è stato leale dopo l’eliminazione dai mondiali…”

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui


Non si placano le polemiche dopo l’eliminazione dell’Italia dai mondiali in Russia. Nell’occhio del ciclone c’è sempre Gian Piero Ventura, che con le sue mancate dimissioni ha attirato su di sé le antipatie e la delusione di tanti italiani che si aspettavano una reazione del tutto diversa da parte dell’ormai ex CT azzurro. A gettare ulteriore benzina sul fuoco ci ha pensato un campione del mondo 2006, ovvero Alberto Gilardino il quale ha parlato dall’inaugurazione dell’Osteria del Calcio in piazza Strozzi a Firenze: “Sono davvero deluso ed amareggiato, come penso sia tutta Italia, ma provo dispiacere soprattutto per Buffon e De Rossi con i quali ho condiviso grandissime gioie e bellissimi momenti in Nazionale. Dispiace soprattutto vedere una fetta della storia della Nazionale italiana che se ne va in questo modo. Adesso è necessario ripartire ma per farlo serve un progetto serio con delle scelte dirigenziali condivise, puntando anche su persone che provengono dall’universo calcistico giocato. Poi se Carlo Ancelotti divenisse il nuovo CT ben venga, ha vinto in ogni club in cui è andato ed è una persona davvero eccezionale.”

E sulle mancate dimissioni di Tavecchio e Ventura, l’attaccante dello Spezia aggiunge: “Subito dopo la partita mi è venuto in mente il mondiale in Brasile del 2014. Prandelli si era comportato in maniera diversa, attuando una scelta condivisa e dettata dalla lealtà verso una Nazione intera. In questo caso non si è verificato, ma sono scelte che una persona compie, condivisibili o meno.”

Gilardino, poi chiude con un commento sulla Serie A attuale, e sul suo presente allo Spezia: “Ovviamente la Juventus è la favorita, ma attenzione all‘Inter che potrebbe lottare per lo Scudetto fino alla fine, grazie ad un allenatore bravo e preparato come Spalletti. Il mio approdo in Liguria? Mi trovo bene, sono in un bel gruppo, che contiene il giusto mix tra giocatori giovani ed esperti, dove spero di dare una mano anch’io per raggiungere la salvezza il prima possibile”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Supercoppa di Spagna, un Bilbao che non ti aspetti