Inter-Atalanta, Spalletti tra il dubbio Icardi e…Ranocchia

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui


In attesa di ritrovare i giocatori impegnati con le rispettive nazionali, sono ben cinque, l’Inter e Luciano Spalletti hanno ripreso il lavoro in vista dell’importante match di domenica sera tra i nerazzurri e l’Atalanta. Mancavano all’appello i vari Miranda, Skriniar, Nagatomo, Vecino e Joao Mario. Ma a dare la carica ai suoi ci ha pensato il ritorno in gruppo del capitano Mauro Icardi. L’attaccante argentino sta smaltendo il problema al ginocchio. é lo stesso giocatore a tranquillizzare tifosi e mister sulle sue condizioni: ” Il ginocchio? Va meglio, si sta sgonfiando”.

A pochi giorni dal match di San Siro, arriva quindi una buona notizia per tutto l’ambiente nerazzurro: Icardi è tornato a disposizione di Spalletti e andrà a caccia del gol. Il 9 nerazzurro è alla ricerca dei 100 gol in Serie A con la maglia dell’Inter. Gliene mancano 10 e non ha intenzione di perdere neppure una partita. La passata stagione fu autore di un favoloso tris proprio ai danni dell’Atalanta. Il capitano nerazzurro si augura di ripetere prestazione e risultato per continuare la corsa ai primi posti in campionato.

Leggi anche:  Inter, un anno di Eriksen: ripercorriamo i 365 giorni nerazzurri del danese

Ma Spalletti, che in questo avvio di stagione ha stabilmente deciso di schierare i soliti undici titolari, deve incominciare a pensare a qualche alternativa.
Sulle corsie esterne, specie quella di sinistra, l’alternanza è stata unicamente quella tra Nagatomo e Dalbert, con il primo più impiegato; in mezzo al campo Gagliardini ha trovato posto con Vecino sulla mediana con Borja Valero più avanzato; in attacco le soluzioni sono sempre Perisic, Candreva e Icardi. L’allenatore toscano è chiamato a trovare eventuali sostituiti in alcuni ruoli delicati come ad esempio quello dei centrali di difesa. La coppia Skriniar-Miranda è stata sicuramente positiva in queste prime uscite stagionali, ma, soprattutto il secondo è già diffidato e il rischio è dunque quello di incappare nella squalifica e di non avere un sostituto all’altezza.
Per questo motivo Spalletti ha già in mente un piano che prevede l’impiego di Andrea Ranocchia, di fatto l’unico difensore centrale di ruolo dopo i due titolarissimi.
L’idea del tecnico nerazzurro è quella di dare una chance all’italiano. Se non domenica contro l’Atalanta, molto probabilmente arriverà la chiamata contro il Cagliari o contro il Chievo. Serve assolutamente trovare una certa affidabilità in vista di future squalifiche o problemi fisici, situazioni che durante l’arco della stagione capiteranno.
Serve trovare forze fresche in grado di non far sentire la differenza con i titolari. L’impiego di Ranocchia, ma come il suo anche quello di Brozovic e Joao Mario, non dovranno far rimpiangere le prestazioni degli imprescindibili. Se l’Inter vuole puntare in alto deve trovare risposte anche dalla panchina.

Leggi anche:  Hateboer, infortunio al metatarso da valutare. Maehle pronto a sostituirlo

La formazione dell’Inter dovrebbe, salvo sorprese, essere comunque la solita con Handanovic in porta, D’Ambrosio, Skriniar, Miranda e Nagatomo in difesa, Gagliardini, Vecino e Borja a centrocampo e Perisic, Candreva e Icardi in avanti.

La settimana che porta a Inter-Atalanta è appena cominciata ma Spalletti ha già il suo bel da fare per confermare quanto di buono visto fin’ora e soprattutto per tornare a vincere danvati al proprio pubblico dopo il pareggio con il Torino.

  •   
  •  
  •  
  •