Inter, Icardi ammette: “Amo segnare alla Juventus”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui


Con un inizio di stagione caratterizzato da alti e bassi e 11 goal all’attivo in 12 partite disputate, Mauro Icardi si conferma il capocannoniere dell’Inter anche nella stagione corrente. Siamo ancora ad inizio stagione ma l’attaccante argentino si è tolto già alcune soddisfazioni tra le quali: il ritorno nella nazionale maggiore albicelste, con una qualificazione ottenuta in extremis, una doppietta decisiva siglata in casa della Roma (vinta per 1-3) e una tripletta nel derby contro il Milan (vinto per 3-2).
Lo stesso Icardi, in un’intervista concessa a ‘Inter TV’, ha raccontato le sensazioni e le emozioni vissute nell’ultimo derby di Milano: “È stata una grandissima partita. Segnare una tripletta per me è stata un’emozione indescrivibile, è stato unico vincere così all’ultimo minuto. Poi avevo ancora il rammarico di aver sbagliato il precedente rigore e del 2-2 dell’anno passato. L’affetto dei tifosi dopo queste vittorie è la cosa più bella”.

Leggi anche:  Sconcerti sul Napoli: "Squadra completa. Non è un caso che è davanti in classifica alla Juventus..."

L’attaccante classe ’94 ha già raggiunto numeri da capogiro: in Serie A dal 2012, ha realizzato la bellezza di 92 reti in 162 presenze. Ha segnato a tantissime squadra ma alla domanda “Qual’è la tua vittima preferita?”, Icardi non ha dubbio e afferma: “Amo far goal alla Juventus, che è una rivale dell’Inter. La sfida con i bianconeri è un classico del calcio italiano. Sono riuscito a segnare contro di loro sia con la maglia della Sampdoria, sia con quella nerazzurra”.
Tra le novità di questo inizio 2017 è da sottolineare certamente il ritorno alla Nazionale Argentina, grazie alla fiducia data dal Ct Sampaoli: “Giocare per l’Albiceleste è bellissimo. Tornarci dopo tanto tempo e qualificarci al Mondiale è stato un sogno. Ho fatto tanto in questi 4 anni per l’Inter e mi sono guadagnato anche il posto in Nazionale”.

Leggi anche:  Novità per la Supercoppa Italiana: verrà utilizzata per la prima volta in Europa. Ecco i dettagli

Inoltre l’attaccante argentino ha parlato anche del suo approdo a Genova, sponda Sampdoria:”È vero che ho dovuto cercarla su Google ai tempi, non la conoscevo. Qualche compagno al Barça scherzava sul fatto che andassi a giocare con Cassano e Pazzini. È stata una scelta anche per via del mio stile di gioco: al Barça si giocava in un altro modo nel quale non mi trovavo bene, invece in blucerchiato mi sono trovato subito bene anche grazie a Obiang”.

In Italia è Maurito è uno degli attaccanti più contesi del Fantacalcio, Icardi ha così parlato di questo gioco molto diffuso nel Belpaese:”Al Fantacalcio non ci ho mai giocato, ma lo conosco.Qui in Italia ci giocano tutti. Se io mi comprerei? Sinceramente non lo so, ma tutti mi dicono che spendono tantissimi soldi per me. Magari comprerei Immobile, visto che sta facendo tantissimi goal”.

Leggi anche:  Supercoppa Italiana, dove vedere Juventus Napoli: streaming gratis e diretta TV Rai 1?

Additato da molti come “tamarro” per il suo stile di vita e per il suo strano cambio di look mostrato nella partita contro il Benevento, Icardi si difende: “Io tamarro? A me lo dicono perché mi piacciono le auto sportive, gli orologi, e i compagni ci scherzano su. Ma in realtà non so nemmeno cosa significhi (…) Se devo essere sincero, amo vestirmi bene e sono tutt’altro che tamarro. I capelli biondi? Dovevamo registrare un’intervista in Argentina e mi sono fatto biondo perché Wanda e Susanna lo erano”.

  •   
  •  
  •  
  •