Inter, Miranda: “Lotteremo per lo Scudetto. Spalletti valore aggiunto”

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui


Il difensore brasiliano dell’Inter Joao Miranda, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in Chat Live, incalzato dalle domande insistenti dei tanti tifosi nerazzurri: “Mi piace sentire il mio nome allo stadio, anche se i tifosi dell’Inter dovrebbero gridarlo un po’ più forte, ma loro sono unici e vorrei vedere gli spalti sempre pieni di gente che è pronta a sostenerci. Possiamo lottare per lo scudetto quest’anno, ma al momento pensiamo al Torino ed a cercare di entrare in Champions League. Siamo sicuri che con Spalletti ci potremo togliere tante soddisfazioni, è un grande mister e con un allenatore come lui è impossibile non vincere. A livello tecnico è cambiato molto dall’anno scorso, quando volevamo fare bene senza però riuscirci. Quest’anno è diverso, è cambiato il nostro atteggiamento siamo organizzati meglio ed inoltre stiamo lavorando duramente insieme al mister il quale ci mostra tanti video per renderci perfetti.
La mia intesa con Skriniar? E’ ottima, è un grande calciatore, è facile adattarsi con giocatori come lui.
Emozionato quando l’Inter mi cercava? Sì, ero molto felice che mi cercasse una squadra come l’Inter ed io voglio ripagare l’interesse che mi ha mostrato fornendo prestazioni all’altezza per poter riportare questa società tra le prime squadre d’Europa. In questo periodo si parla tanto del mio rinnovo con i nerazzurri, ma io sono concentrato solo sul campionato e ancora non so se prolungherò il mio contratto per un anno o più.
Juve indebolita? Non credo, la Juve è sempre una grande squadra e merita rispetto, noi pensiamo a noi stessi ed a raggiungere la zona Champions che è l’obiettivo minimo della nostra stagione e noi cerchiamo sempre di fare del nostro meglio per raggiungerlo.
Siamo forti e possiamo farcela tranquillamente. In Italia, comunque, penso che l’attaccante più difficile da marcare sia Dzeko anche se ne ho incontrati diversi di giocatori forti come Ronaldo, Neymar, Messi ed inoltre aggiungo che per un difensore il campionato italiano è più semplice rispetto alla Liga, essendoci più tattica ed è più semplice per noi del ruolo. Per quanto riguarda me, io gioco meglio in una difesa a quattro ed in passato ho anche avuto esperienze come terzino.


L’emozione più grande al momento l’ho vissuta nel derby vedendo lo stadio pieno che garantiva un’atmosfera magica, e sicuramente domenica contro il Torino sarà simile e per noi sarà una carica aggiuntiva, che ci spingerà a fare sempre meglio ed i tifosi domenica una squadra tosta in cerca della vittoria, tuttavia non sono d’accordo nel giocare i lunch match; l’orario migliore per me è alle 20:45.

In questo momento io sto bene e quando scendo in campo cerco sempre di migliorarmi. A volte si sbaglia qualcosa tecnicamente ma fa tutto parte del gioco, ma è positivo quando c’è la voglia di crescere. Io voglio essere un leader in campo anche nei momenti negativi e vorrei essere preso come esempio.
In questo momento sto probabilmente vivendo il miglior periodo qui all’Inter anche se ne ho vissuti molti con Mancini in panchina, merito anche dei miei compagni che mi aiutano molto, e di giocatori fortissimi come Icardi, che è impressionante in area avversaria. 
Il miglior difensore in Italia? Ovviamente io…”
Queste le parole più importanti di Joao Miranda rilasciate in Chat Live all’anti-vigilia del lunch match contro il Torino, il quale conferma il buon rapporto tra i giocatori ed il mister Spalletti, che fino al momento ha fruttato 9 vittorie e 2 pareggi confermando l’Inter come candidata reale alla lotta scudetto. L’obiettivo minimo dei nerazzurri è il raggiungimento del quarto posto e Miranda vuole rendersi protagonista nel contribuire alla realizzazione di questo sogno europeo che manca ormai da troppi anni, escludendo la delusione ottenuta nel girone di Europa League dello scorso anno.

Leggi anche:  Ilicic, 100 presenze con l'Atalanta. Le sue lezioni hanno scritto la storia
  •   
  •  
  •  
  •