Italia, Buffon: “Contro la Svezia un bivio importante per la storia della Nazionale”

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

Italia
Italia-Svezia è la gara da dentro o fuori: dopo la sconfitta di Solna, con la quale gli scandinavi ottengono il massimo risultato con il minimo sforzo, gli azzurri sono chiamati all’impresa, al fine di centrare un obiettivo davvero importante.
Domani sera contro la Svezia il portierone della Nazionale, Gianluigi Buffon, potrebbe disputare la sua ultima partita in azzurro. Ciononostante lo juventino predica calma e concentrazione: più di altri vuole portare l’Italia in Russia ed è per questo che carica l’ambiente ed il gruppo.

L’Italia contro la Svezia gioca una partita importante per la storia della Nazionale: le parole del capitano della Nazionale Buffon alla vigilia del ritorno del play-off

Nella conferenza stampa della vigilia, il portiere dell’Italia è “teso, ma è una tensione giusta, perché con due partite in tre giorni è impossibile decomprimersi e riattivarsi“.
Per Buffon la sfida di domani è il classico bivio da dentro o fuori: al capitano è capitato chissà quante volte nella sua ultradecennale carriera. Tuttavia questo “non cambierà le [sue] decisioni sul futuro“: la sua situazione risulta essere secondaria rispetto a tutta la squadra.

Leggi anche:  Juventus, la vera arma in più si chiama Juan Cuadrado

Si giocherà a Milano allo stadio “Meazza”: il portiere azzurro sa che la Nazionale è costretta “a una piccola impresa“. Per questo è necessario per il capitano dell’Italia che “la gente ci sostenga, accettando qualche piccola sbavatura, perché così un giocatore si sente aiutato e spinto“.

La Svezia non preoccupa Buffon: lo juventino sa che “tutto dipende da noi“. Per questo motivo l’Italia dovrà giocoforza cambiare il “modo di porci nei confronti della Svezia rispetto all’andata. La Nazionale ha uno stile definito – spiega il portiere – chi verrà a sostenerci dovrà spogliarsi dalle maglie dei club, Juve, Mian, Inter, servirà soltanto unità nel nome della maglia azzurraPer i fischi e le critiche eventualmente ci sarà spazio dal 90° in poi“.

  •   
  •  
  •  
  •