Italia, il “Meazza” inespugnabile: ecco tutti i precedenti degli azzurri

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

Italia

Ci siamo, mancano poco più di dodici ore e lo stadio “Giuseppe Meazza” di Milano, o “San Siro” che dir si voglia, aprirà il sipario sull’ultimo atto di Italia-Svezia, sui restanti novanta minuti di gioco validi per la qualificazione ai prossimi Mondiali di Russia 2018.

La nostra Nazionale è pronta: sarà pure stata attaccata ed umiliata in questi due o tre giorni, ma ora è giunto il momento tanto atteso.

L’Italia deve far valere la sua storia e i suoi quattro titoli mondiali, deve far vedere in campo l’esorbitante spessore tecnico rispetto alla Svezia, deve scrollarsi di dosso quella infame etichetta che reca la dicitura “la Nazionale più scarsa degli ultimi decenni“.

Ventura ha caricato certamente i suoi uomini e l’ambiente, sa che stasera il suo percorso potrebbe inesorabilmente giungere al capolinea. E proprio per questo l’Italia non può e non deve sbagliare: a sostenere gli azzurri ci sarà la “spinta” del “Meazza” che conserva in sé una curiosità tutta sua con la Nazionale, che rappresenta felicemente un ulteriore ripasso sui corsi e ricorsi storici che per l’ennesima volta vanno a favore della nostra cara Italia.

Leggi anche:  Supercoppa Italiana, probabili formazioni Juventus-Napoli: ecco le scelte di Pirlo e Gattuso

 

Il “Giuseppe Meazza” fortino degli azzurri

L’Italia è sbarcata in terra milanese per ben 56 volte, dal lontano 15 maggio 1910 al più recente 15 novembre 2016. Di tutte queste apparizioni all’ombra della Madonnina, fino al 1926 l’Italia ha giocato tra i vari impianti milanesi della “Civica Arena”, del “Velodromo Sempione” e del “Viale Lombardia”.

Dal 20 febbraio 1927, la Nazionale comincia a giocare nel nuovo “San Siro”, inaugurato appena 5 mesi prima: l’avversario dell’amichevole in programma fu la Cecoslovacchia, con il match che finì 2-2. Al “Giuseppe Meazza” l’Italia ha disputato 42 partite, tra amichevoli, qualificazioni europee e qualificazioni mondiali, nonché una sola gara degli Europei del 1980, organizzati in quella circostanza dal nostro Paese, contro la Spagna, terminata 0-0.

In tutti questi incontri alla “Scala del calcio”, gli azzurri non hanno mai perso: sono 31 le vittorie incassate e 11 i pareggi. Tra queste vittorie, vale la pena ricordare quelle proprio contro la Svezia: la prima del 9 ottobre 1971, valida per le qualificazioni agli Europei, con il risultato di 3-0, maturato in virtù della doppietta di Gigi Riva e della rete di Roberto Boninsegna; la seconda, in amichevole, del 29 settembre 1973 con il risultato di 2-0, con reti di Anastasi e del solito Gigi Riva; la terza per 1-0, sempre in amichevole, il 26 settembre 1984, con rete di Antonio Cabrini.

Leggi anche:  Supercoppa, Juventus-Napoli 2-0: proteste Napoli sull'1-0 e rigore concesso con il Var. Ecco la Moviola

Lo stadio che attualmente ospita le gare interne di Milan ed Inter ha sempre sorriso all’Italia, uscita mai perdente dal “Meazza”. Che sia davvero di buon auspicio per questa sera…

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,