Italia-Svezia, Florenzi impavido: “A costo di morire in campo andremo ai Mondiali”

Pubblicato il autore: Giovanni Esposito Segui

L’Italia dovrà scendere in campo per guadagnarsi un posto ai mondiali 2018 e sul suo cammino trova la Svezia: Alessandro Florenzi, al rientro in azzurro, è pronto per il doppio confronto per regalare una gioia ai tifosi italiani.

Il ritorno di Florenzi nel periodo più complicato per la nazionale. L’ultima volta in azzurro per l’esterno della Roma Alessandro Florenzi risale ad un anno fa nel match che vedeva sfidarsi Italia e Spagna. Poi un doppio infortunio: il ginocchio fra crac per ben due volte costringendo l’esterno ad un lunghissimo stop. Adesso però è tornato e vuole dimostrare tutto il suo potenziale in un match delicato per gli azzurri. Florenzi non partirà titolare per la prima sfida in programma Venerdì 11 Novembre ma Ventura sa che ha un jolly da poter giocare in qualsiasi momento e su questo doppio-confronto l’esterno della Roma non ha dubbi: “ Ho ritrovato il gruppo con la stessa unione e la stessa convinzione di un anno fa: è bello poter far parte di questa squadra, bello perchè all’interno dello spogliatoio c’è un clima positivo. Non sarà facile, non ci sono dubbi: ma non penso ad un Mondiale senza gli azzurri. A costo di morire in campo andremo in Russia.” I giocatori sono carichi e pronti ad affrontare questa sfida e portare l’Italia al prossimo mondiale.

Leggi anche:  Mondiali di pallamano, gruppo IV Main Round: Svezia ed Egitto avanzano ai quarti di finale

Buffon alle prese con le sue ultime esperienze in azzurro. Chi sa come affrontare un play-off mondiale è Gianluigi Buffon. Infatti ben 20 anni fa, quando esordì per la prima volta in nazionale, la sua esperienza cominciava proprio con uno spareggio contro la Russia per andare al Mondiale di Francia 98′. Da allora l’Italia ha sempre centrato la qualificazione senza passare per gli spareggi ma questa volta è andata diversamente. Il capitano azzurro analizza così questa sfida delicata: “Sicuramente ne avrei fatto a meno perchè lo spareggio è sempre un rischio, è inevitabile, però il caso è simpatico, ho iniziato con uno spareggio. L’importante che il risultato non cambi rispetto a quello di vent’anni fa.”  Buffon che sente particolarmente questa sfida perchè sa che la sua avventura in azzurro sta per finire e spera di togliersi un’altra soddisfazione: finire da vincente sperando in un risultato positivo al termine dei mondiali in Russia.

Leggi anche:  Conte nervoso, l'Inter deve ripartire

L’ultimo incontro con la Svezia e quella voglia di rivincita. Sul percorso per i mondiali troviamo la Svezia: l’ultimo incontro ufficiale risale ad un anno fa quando l’Italia vinse per 1-0 agli Europei 2016 ma tutti sanno che c’è un risultato che va ancora vendicato. Si parla del 2-2 tra Svezia e Danimarca che mise fuori gli azzurri dagli Europei in Portogallo del 2004: quel famoso “biscotto” costò molto caro agli azzurri e tutti hanno voglia di rivincita e bisogna prendere esempio dalle parole del capitano che ha caricato così la squadra: “ Se ti ritieni una squadra forte o un giocatore forte sai che il destino passa per le tue mani e non devi aspettare gli altri.”

  •   
  •  
  •  
  •