Italia-Svezia, Insigne escluso dai titolari. Ventura gli preferisce Zaza

Pubblicato il autore: William Truppi Segui


Se Insigne, nel campionato di SerieA, sta attraversando un momento magico che segna sicuramente la sua definitiva consacrazione come gioiello del nostro calcio, non si può dire altrettanto della sua esperienza attuale con la nazionale. Quest’ultima, tra l’altro, sta passando sicuramente uno dei momenti più difficili della sua storia moderna. Dopo gli eclatanti fallimenti nelle scorse edizioni dei Mondiali (due eliminazioni nei gironi di accesso agli ottavi di finale), questa volta, invece, il rischio è addirittura quello di non arrivarci per niente alla competizione più attesa da tutti i tifosi. A rendere ancora più difficile il cammino dei playoff, ultimo baluardo di speranza per la nostra nazionale, c’è sicuramente l’avversario di turno, la Svezia,  che l’Italia affronterà nella gara di Solna di Venerdì 10 Novembre.

Sul banco degli imputati c’è sicuramente l’attuale CT della Nazionale, Gianpiero Ventura, che ha deciso di assumere la guida di una squadra, e anche un po’ di una nazione, che si era riscoperta tale grazie al carisma e alla spregiudizatezza di Antonio Conte, insieme al sacrificio e alla grinta di coloro che ci fecero sognare durante Euro2016. I risultati ottenuti dall’ex allenatore del Torino, però, non sono stati quelli che tutti si aspettavano e che attualmente vedono un’Italia in forte rischio di mancare clamorosamente l’appuntamento dei Mondiali in Russia nel 2018. La squadra, infatti, ha dimostrato di aver gravi lacune in qualità tecnica e tattica, lasciandosi surclassare per lunghi tratti anche da compagini che sulla carta avrebbero dovuto rappresentare una sfida facile per gli azzurri.

Leggi anche:  Fiorentina, 6 riflessioni in un mercato estivo

A pagare le spese della “gestione Ventura” c’è sopratutto Lorenzo Insigne: spesse volte escluso dagli 11 titolari, per incompatibilità con il modulo, ed altre in cui il suo impiego non è stato in grado di portare i risultati sperati.
L’ultima indiscrezione che giunge dal ritiro di Coverciano, però, è una di quelle che sicuramente desta scalpore ed indignazione, proprio per l’attuale stato di forma del piccolo fantasista napoletano, ossia la sua probabile esclusione  dalla formazione titolare che scenderà in campo questo Venerdì.
Ventura, infatti, sembra aver rinunciato ad Insigne per poter favorire il 3-5-2 di contiana memoria, con la “coppia ignorante” Immobile – Zaza in attacco e Candreva e Darmian pronti a supportarli sulle fasce. Questa particolare scelta vorrebbe una Nazionale improntata al continuo servizio dei due attaccanti grazie all’intercessione del folto centrocampo, dimenticandosi però dell’estro e della fantasia di Insigne che sicuramente potrebbero creare scompiglio e confusione nello retroguardia molto fisica dei Svedesi.

Leggi anche:  Moggi sicuro: "Ecco chi vincerà lo scudetto. Ora il Napoli è più forte della Juventus. Sarri è un traditore..."

Altra scelta discutibile è quella, inoltre, di lasciare in panchina anche Stephan El Shaarawy nonostante l’ottimo stato di forma del “faraone” in questo mese, grazie ai goal e agli assist forniti fin qui a Dzeko e compagni, protagonisti di un ottimo avvio di stagione con la Roma di Di Francesco vicina alla vetta della classifica.
In panchina prenderanno posto anche “il gallo” Andrea Belotti, di ritorno dall’infortunio, e l’interista Eder.
Per Insigne, quindi,  si profila una presenza da titolare nella gara di ritorno, che si disputerà a San Siro, dove il CT potrebbe schierare nuovamente il 4-3-3 e favorire così uno schema di gioco più improntato alla fase offensiva ed all’imprevedibilità.

 

  •   
  •  
  •  
  •