Italia, Ventura a Le Iene: “Io il migliore c.t.” (Video)

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

Italia

Da lunedì sera, giorno che ha sancito inevitabilmente la nostra esclusione dai Mondiali di Russia 2018 per mano della Svezia, non si sono placate le contestazioni e le critiche nei confronti del commissario tecnico dell‘Italia, Gian Piero Ventura, e dei vertici federali che hanno avallato la scelta sull’ex allenatore del Torino.
Uno scenario ancor più apocalittico di quanto si potesse immaginare: a mente, sembra non ricordare negli ultimi anni una siffatta contestazione nei confronti della Nazionale e dei leader del calcio in Italia
Il popolo intero invoca le dimissioni in toto, desidera un cambiamento deciso ed epocale negli assetti dirigenziali, freme nel vedere una Nazionale meno sconclusionata e più vivace, per sognare un deciso ritorno ai vecchi fasti.

Italia, Le Iene intercettano il c.t. Ventura

A rincarare la dose ci hanno pensato Le Iene: la celebre trasmissione televisiva di Italia 1 ha intercettato all’aeroporto il c.t. dell’Italia, Gian Piero Ventura, in volo per il rientro a casa.
In costante pressing sul tecnico azzurro in odore di esonero, la Iena Nicolò De Devitiis ha provato in tutti i modi a strappargli alcune dichiarazioni e alla domanda dell’inviato: “Si dimette o no? Ce lo promette?”, Ventura risponde: “”. Tuttavia il c.t. dell’Italia subito dopo ha fatto sapere all’Ansa di non aver “mai detto questo“.

Leggi anche:  UFFICIALE - Il Torino ha un nuovo allenatore! Contratto, clausola e dettagli.

Il filmato, della durata di circa tre minuti, mostra il c.t. intercettato in aereo sulla tratta Milano-Bari. Sul momento Ventura non vuole parlare, poi qualcosa concede: “Senza l’Italia saranno brutti Mondiali, ma purtroppo è andata, che ci posso fare? Ho chiesto scusa agli italiani, per il gioco. Lo score è uno dei migliori degli ultimi quarant’anni, ho perso due partite”.

Un’atmosfera davvero surreale che rende ancor più scatenato il popolo azzurro che dal termine del match di San Siro non smette di chiedere la testa del commissario tecnico, nell’occhio del ciclone ormai da tempo.

  •   
  •  
  •  
  •