Juve, Allegri: “Un punto importante contro il Barca, ma dobbiamo migliorare”

Pubblicato il autore: William Truppi Segui
Massimiliano Allegri

Massimiliano Allegri

 

Massimiliano Allegri continua a vedere il “bicchiere mezzo pieno”, nonostante il pareggio maturato nella gara di ieri contro il Barcellona, valevole per 5a giornata di Champions League.
La Juventus, considerando ovviamente il blasone dell’avversario, ha sfogiato nuovamente una prestazione molto incline a quanto mostrato nella nostra Serie A, dove i bianconeri si dimostrano privi di mordente e, sopratutto, stranamente imprecisi nel fraseggio, oltre che a palesare una marcata poca incisività in fase offensiva.
Il risultato maturati ieri, inoltre, alla luce del successo dello Sporting Lisbona, complica un po’ il discorso qualificazione per la Juventus, che adesso è chiamata a vincere contro l’Olympiacos, in Grecia, per evitare brutte sorpresa da parte dei portoghesi (impegnati contro un Barcellona già qualificato al primo posto).
Nonostante tutto ciò, Massimiliano Allegri ha dimostrato, ai microfoni i Premium, un sano ottimismo, dichiarandosi soddisfatto della prestazione messa in campo dai bianconeri: “E’ stata un partita bella tatticamente, abbiamo subito pochissimo e avevamo davanti un Barcellona che quest’anno difende molto meglio. Nel primo tempo abbiamo avuto delle situazioni favorevoli, mentre nella ripresa ci hanno concesso meno anche se qualcosa abbiamo creato. Non dimentichiamoci che giocavamo contro il Barcellona”, ha aggiunto poi.

Allegri, poi, ha elogiato anche l’atteggiamento caratteriale messo in campo dalla Juventus: “L’atteggiamento mi è piaciuto, in queste partite bisogna difendere tutti, abbiamo giocato a tre dietro ma in sostanza i giocatori erano gli stessi delle ultime gare però stasera tutti hanno difeso. Non mi interessava il risultato, mi interessava l’atteggiamento, dovevamo metterci il cuore: se la Juve difende come sa non prende gol”.
Allegri ha offermato, poi, con una certa convinzione, che la Juventus è sulla strada del miglioramento tecnico/tattico: “Ora da qui fino al 6 gennaio avremo dei giorni per allenarci con continuità per poter migliorare il gioco e per poter migliorare la fase difensiva perché a Genova siamo stati belli e abbiamo preso tre gol, a Bergamo due: cerchiamo di essere meno belli e di prendere meno gol. Ma da ora in avanti miglioreremo ancora”. C’è un problema attacco con soli 5 gol segnati? “In Champions è diverso dal campionato, l’anno scorso abbiamo subito solo tre gol, perdendo solo la finale, mentre tre anni fa abbiamo segnato pochi gol. Ogni stagione è diversa ma noi dovevamo ripartire dalla fase difensiva perché a Genova abbiamo preso dei gol che non dovevamo prendere. Stasera l’attenzione si è alzata e non abbiamo subito gol”.

DOPO ALLEGRI…LE PAROLE DI PAULO DYBALA

L’uomo in campo più atteso della giornata era sicuramente lui, Paulo Dybala, oramai accostato all’inarrivabile Messi per somiglianze fisiche e tecniche. Il giovane calciatore bianconero, nello 0 a 0 finale, ha messo in luce una discreta prestazione complessiva, sia in fase offensiva, sia in fase di impostazione di gioco. Intervistato anch’esso al termine della partita, ha dichiarato: “Abbiamo giocato contro una squadra difficile che rispetto all’anno scorso difende molto meglio. Peccato per l’ultima occasione che non è entrata ma noi ora dobbiamo pensare a vincere la prossima senza aspettare il Barcellona. Il prossimo sarà un mese molto difficile, in Grecia l’ambiente sarà caldissimo e non sarà facile ma noi siamo la Juventus e dobbiamo vincere. Dobbiamo migliorare nel gioco, a difendere siamo bravi, dobbiamo pensare a giocare di più”

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Novità per la Supercoppa Italiana: verrà utilizzata per la prima volta in Europa. Ecco i dettagli