Juventus, Allegri lascia l’associazione allenatori

Pubblicato il autore: Giovanni Esposito Segui

Scenario incredibile dopo l’eliminazione dell’Italia dal mondiale: Allegri lascia l’associazione allenatori essendo in aperto contrasto con il presidente Ulivieri per le posizioni assunte dopo l’eliminazione azzurra.

Allegri in contrasto con Ulivieri: lascia l’associazione allenatori. Massimiliano Allegri, attuale tecnico della Juventus, è pronto a lasciare l’associazione allenatori per dei diverbi avuti con il presidente dell’associazione Renzo Ulivieri. Il tecnico livornese non ha gradito il comportamento di Renzo Ulivieri per le sue posizioni pro Tavecchio e starebbe pensando di lasciare l’Associazione per protesta. L’allenatore vorrebbe che venisse presa una posizione più chiara in contrasto con la Federazione e non tollera la posizione ‘dittatoriale’ assunta da Ulivieri in questa situazione.

Il gesto simbolico di Allegri: i suoi colleghi lo seguiranno a ruota? Il gesto di Allegri, nel caso in cui fosse portato a compimento, potrebbe non restare isolato visto che all’interno del sindacato dei tecnici sono numerose le voci di dissenso. Allegri invoca una dialettica più articolata e un atteggiamento più critico nei confronti della federazione e non tollera la linea quasi dittatoriale di Ulivieri. Questo comporta ad una rivolta del calcio italiano: oltre ai tifosi anche gli allenatori adesso vorrebbero le dimissioni di Carlo Tavecchio per la pessima gestione avuta in questo ultimo periodo che ha portato l’eliminazione dell’Italia da Russia 2018 oltre che il grande danno economico che costerà cara alle casse della Federazione Italiana.

Leggi anche:  Dove vedere Sampdoria Udinese, streaming Serie A e diretta TV Sky o Dazn?

Tavecchio rimane a bordo della Federazione. Intanto Carlo Tavecchio non ha nessuna intenzione di dimettersi e vuole ricominciare portando un allenatore degno della panchina della nazionale Italiana e il nome più probabile per sostituire Gianpiero Ventura è Carlo Ancelotti.Il tecnico ex Bayern, però, ha dato le sue condizioni per accettare l’incarico da CT della Nazionale e il suo intento è quello di portare con se sia Pirlo e Maldini per avviare un progetto di riforma per far risorgere la nazionale e riportarla di nuovo ai vertici del calcio mondiale.

  •   
  •  
  •  
  •