Juventus, Allegri verso la rivoluzione tattica: Cuadrado terzino e Matuidi in difesa ?

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

Dopo il deludente pareggio europeo contro lo Sporting Lisbona in Champions League, l’allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri starebbe valutando, secondo quanto riportato dalla “Gazzetta dello Sport”, un drastico cambio di modulo tattico.

Il tecnico toscano avrebbe deciso di spostare Cuadrado dal centrocampo alla difesa, in un eventuale reparto arretrato a quattro. Altra variabile tattica potrebbe essere l’arretramento del nuovo acquisto bianconero, il centrocampista francese Blaise Matuidi, in difesa come centrale in uno schema a 3. Al francese sarebbe assegnato il compito di impostare il gioco offensivo, come è toccato negli anni scorsi all’ex Leonardo Bonucci, passato al MilanAl fianco di Matuidi, Daniele Rugani che sembra essersi guadagnato il posto da titolare, affiancato da Giorgio Chiellini con Andrea Barzagli, pronto a subentrare a partita in corso per prendere il posto di uno dei tre.

Leggi anche:  Malinovskyi, cosa sta succedendo al trequartista ucraino?

Sulla trequarti, tante le soluzioni tattiche a disposizione di Allegri; Paulo Dybala su tutti, ma vista la velocità palla al piede di Douglas Costa, dotato anche di un buon tiro dalla distanza, non da escludere che l’ex Bayern Monaco non giochi, in una posizione diversa da quella attuale. Quest’ultimo potrebbe contendere il posto da titolare a Mario Mandzukic, che però gioca da esterno o da unica punta. Non da scartare a priori, l’ipotesi di vedere Federico Bernardeschi in questa posizione tattica che esalterebbe le sue caratteristiche di base.
Sempre in attacco, da segnalare che Marko Pjaca dopo due gravi infortuni è prossimo al rientro come conferma l’ottima prestazione nell’amichevole contro il Trino conclusa con una doppietta.

Il potenziale tecnico e le soluzioni a disposizione di Allegri dunque ci sono ma il tecnico livornese, avrebbe il demerito, secondo tifosi e addetti ai lavori, di non sfruttarli fino in fondo. Eppure, dieci mesi fa, è stato proprio lui a sperimentare e promuovere l’attuale sistema di gioco, il 4-2-3-1, vincendo lo scudetto e la Coppa Italia e sfiorando il successo in Champions. Non è chiaro da quando questa ennesima rivoluzione tattica della Juventus sarà applicata sul campo. La stagione, comunque, è ancora lunga, con tante sfide, che la Juventus, si troverà ad affrontare e non mancherà occasione per sperimentare.

  •   
  •  
  •  
  •