Luciano Moggi: “Calciopoli è stata un’idea di Galliani. Non ho mai regalato rolex a nessuno”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

Luciano Moggi ha rilasciato alcune dichiarazioni al veleno nel corso di un’intervista realizzata per il programma televisivo Nemo-Nessuno escluso, in onda su Raidue. L’ex dg bianconero continua a ribadire la sua completa innocenza riguardo Calciopoli, uno dei più grandi scandali del calcio italiano, e rilancia facendo il nome del presunto colpevole di un complotto organizzato alle sue spalle. Ecco un estratto delle parole di Moggi“Non ho mai regalato rolex a nessuno e non ho mai mandato escort negli alberghi per compiacere gli arbitri. Sono solo stupidaggini e leggende metropolitane di cattivo gusto. Era la Roma che fu indagata dall’autorità sportiva per questo e poi fece marcia indietro. I maligni dicono che condizionavo gli arbitri, ma al processo sono state archiviate tutte le accuse. Paparesta è un arbitro che in realtà ci fece perdere la partita a Reggio Calabria e per il suo presunto sequestro sono stato radiato. Negli spogliatoi gli dissi semplicemente ‘saresti da chiudere e da buttare poi la chiave’. Ma è un conto è vantarsi e un conto è chiudere. La mia radiazione è stata una cosa veramente peregrina che ha dimostrato la pochezza di alcune persone. Ci hanno mandato via per prendere il nostro posto e poi fare le figure che sapete tutti. Calciopoli non è altro che tutto un complotto partito da Galliani perché Berlusconi mi voleva al suo posto”

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  SKY o DAZN? Dove vedere Genoa Cagliari in tv e in streaming, Serie A 19° giornata