Milan, Bonucci tra i migliori contro il Sassuolo: “Avevo troppe aspettative, ora il salto di qualità”

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui

Finalmente è tornata un pò di serenità in casa Milan. Dopo il k.o. in campionato dello scorso turno contro la Juventus e l’opaca prova in Europa League, i rossoneri trovano la vittoria per 0-2 contro il Sassuolo. Sorride Montella che allontana, almeno per il momento, l’esonero, e sorride anche Bonucci. Proprio il neo capitano rossonero reduce da un avvio di stagione decisamente infelice, può essere soddisfatto per la sua prova contro gli emiliani e per quella dei compagni: “Abbiamo iniziato a difendere meglio: quando si gioca da tanto tempo con gli stessi compagni di reparto è tutto più facile. Ora stiamo migliorando l’intesa, ma dovevamo migliorare come singoli per poi fare la differenza come squadra”.

Dopo la sfida contro il Sassuolo, è ancora Bonucci a parlare e provare a spiegare la situazione della squadra che più volte è stata attaccata sul piano della personalità. “Avere personalità vuol dire anche mettersi a disposizione dei compagni, solo così si può creare un gioco armonioso” e continua: “Manchiamo di personalità perché le pressioni che arrivano dall’esterno ci fanno un pò paura: dobbiamo liberarcene e pensare a noi. Dobbiamo ripartire da questa sera e fare un salto di qualità sotto l’aspetto della personalità“.

Leggi anche:  L'Inter si aggrappa a Lukaku per tornare a vincere il derby

Dopo il successo esterno, il capitano rossonero può finalmente godersi un buon voto in pagella. Il difensore ex juve è infatti risultato tra i migliori in campo. Non accadeva da diverse partite e le critiche sono state il suo pane quotidiano. In cerca di riscatto, ha trovato in quel di Reggio Emilia la partita giusta per rispondere e parlare del suo momento: “Se sono arrivate le critiche è perché non sono stato all’altezza del mio passato alla Juve e in Nazionale: mea culpa“.

L’assenza forzata nei precedenti due turni di campionato a causa della squalifica, ha permesso a Leonardo Bonucci di ritrovare se stesso. “Un esame di coscienza interiore” come ammette lo stesso giocatore. ” Mi  ero creato troppe aspettative, ho fatto un passo indietro, forse all’inizio la mia presenza era stata presa come un peso: ora devo essere aiutato dalla squadra, in un gioco collettivo come il calcio è fondamentale fare gruppo e le prestazioni sono sotto gli occhi di tutti“.

Leggi anche:  Beppe Bergomi su Conte: "Protesta giusta, c'era un espulsione. Al Milan mancavano tanti giocatori..."

Tra una risposta e l’altra, Bonucci trova anche spazio per una battuta sui famosi “equilibri”: “Dovevo spostarli, ma per ora non ci sono riuscito…
In casa Milan, almeno per il momento, è tornato il sereno.

  •   
  •  
  •  
  •