Milan, il Sassuolo nel destino di Montella come … per Allegri

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui

Max Allegri e Vincenzo Montella

La panchina di Vincenzo Montella, sempre più a rischio nell’ultimo periodo, continua a vacillare dopo l’ultimo match disputato contro l’Aek Atene in Europa League, terminato 1-1. Il prossimo incontro del Milan si giocherà domenica sera al Mapei di Reggio Emilia, contro il Sassuolo che sembra essere, come per Allegri, anche nel destino di Montella.

Il Milan, in campionato, su undici partite disputate ha subito già cinque sconfitte. Anche in Europa League la situazione non va a gonfie vele con due pareggi consecutivi, a porte inviolate, entrambi con l’Aek Atene. Fino ad oggi, Montella, ha avuto il sostegno della dirigenza, la quale gli ha concesso tempo ma ora pretende punti e risultati.  Contro il Sassuolo ci si aspetta una partita positiva nel gioco e soprattutto con l’imperativo della vittoria. Il Milan staziona all’ottavo posto in classifica, lontano, al momento, dalla zona Europa. Non certo idilliaca la situazione del  Sassuolo che è a ridosso della zona retrocessione ma ha la fama di essere la “bestia nera” per il Milan.

Leggi anche:  Inter, Conte: “Eriksen? Ce lo teniamo stretto, fa parte di un progetto”

Già in un’alta occasioni infatti, una sconfitta del Milan contro la squadra emiliana ha portato all’esonero dell’allenatore che sedeva sulla panchina rossonera. E’ accaduto con Massimiliano Allegri, l’attuale allenatore della Juventus che, nel gennaio del 2014, fu esonerato dal Milan in seguito ad una brutta sconfitta al Mapei Stadium per 4-3 sancita da una tripletta di Berardi . Ha sfiorato l’esonero contro il Sassuolo anche Sinisa Mihajlovic. Il 2-0 subito dagli emiliani al Mapei Stadium dal Milan allenato dal serbo fu il preludio all’allontanamento di Sinisa che avvenne poco dopo in seguito al ko casalingo con la Juventus futura campione d’Italia. Va sottolineato, tuttavia, che la serie di Montella contro gli emiliani è positiva. La scorsa stagione i due match si sono conclusi entrambi a favore del Milan: all’andata 4-3 con rimonta da 1-3, al ritorno 0-1 grazie a un goffo calcio di rigore di Bacca che l’arbitro erroneamente non fece ripetere a causa del doppio tocco dell’attaccante colombiano.

Leggi anche:  Inter, Lautaro Martinez vicino al rinnovo con i nerazzurri: i dettagli

Domenica, un’eventuale vittoria del Milan darebbe senz’altro tranquillità a Montella e permetterebbe al Milan di trascorrere con relativa serenità le due settimane di sosta dovuta agli spareggi di qualificazione al Mondiale 2018 con l’Italia impegnata nel doppio confronto con la Svezia.
Continuano a circolare, intanto, con grande insistenza le indiscrezioni sui possibili sostituti di Montella. In prima fila, tra i papabili, c’è Rino Gattuso. L’attuale allenatore della Primavera rossonera, quindi possibile traghettatore della squadra fino alla fine del campionato, dopodiché si prenderanno in considerazione altre soluzioni.. Oltre a Gattuso sono stati fatti i nomi di Walter Mazzarri e di Paulo Sousa, quest’ultimo tuttavia destinato al campionato cinese. Entrambi gli allenatori sono senza panchina e sono disponibili per un contratto immediato anche se non è facile salire su un treno in corsa, tra l’altro anche con tanti problemi.

  •   
  •  
  •  
  •