Moggi: “Padre Pio è apparso in sogno a una signora e ha fatto una profezia su di me”

Pubblicato il autore: Giuseppe Biscotti Segui

 


Pochi giorni fa Franco Carraro, ex presidente della F.I.G.C., aveva dichiarato in un’intervista rilasciata  al Corriere della Sera: “Calciopoli è stata una questione di potere, o forse solo di chiacchiere. Luciano Moggi non è mai riuscito a far vincere un campionato alla Juve in modo illecito. L’unica partita che secondo me resta dubbia, Juve-Inter con il rigore non dato a Ronaldo, è del 1998.”

L’ex dg della Juve, Luciano Moggi, si è sentito chiamato dalle parole del presidente della federazione italiana ai tempi di Calciopoli e non ha perso occasione per svelare un aneddoto molto particolare al quotidiano Libero: “Ieri, primo novembre, festa dei Santi, si è materializzato ciò che mi era stato profetizzato circa 12 anni fa. Ero allora il direttore generale della Juve e ricevetti un lettera da una signora di Palermo che aveva bisogno di parlare con me per qualcosa di importante che mi riguardava. Non presi sul serio la cosa, pensando si trattasse delle solite lettere di raccomandazione per qualche parente. Due anni dopo, in occasione della trasferta della mia squadra a Palermo, mi venne d’istinto il desiderio di incontrare quella signora che, non  sapendo inizialmente chi fossi, mi svelò candidamente di essere risalita a me tramite i parenti ai quali aveva raccontato ciò che aveva sognato la notte prima di scrivermi. Si presentò all’albergo dove eravamo in ritiro una donna anziana accompagnata dai figli, che niente sapeva di calcio e con nessuna intenzione di chiedere favori. Una situazione davvero insolita, così come quello che mi rivelò, un racconto che mi ha fatto commuovere e mi ha dato la forza di reagire alle cattiverie che sono state dette successivamente sul mio conto: “Stanotte mi è apparso in sogno Padre Pio, davanti a noi un gregge di pecore e un pastore. Mi disse il frate:” vedi quel pastore? E’ Luciano Moggi, gli faranno tante cattiverie e lo copriranno di infamia, ma io lo proteggerò e qualcuno importante troverà un giorno la forza di dire la verità.”

Moggi prosegue nel suo aneddoto: “Il presagio si è materializzato nella figura di Franco Carraro che al Corriere della Sera ha dichiarato la sua versione su Calciopoli in un’intervista rilasciata ad un giornalista contrario al sottoscritto per aver sempre anteposto l’odio al desiderio di ricercare verità magari occultate. Lo ringrazio perchè, nelle funzioni di presidente della FIGC, meglio di tutti valutava i comportamenti dei propri affiliati e sapeva quanto poteva incidere nei risultati la valenza di quei dirigenti, che con la loro abilità rendevano un servizio anche alla Nazionale vincitrice del Mondiale 2006 con gran parte dei giocatori juventini, Lippi e perfino il massaggiatore. Da parte mia ho saputo affrontare un calvario di proporzioni enormi perchè la fede mi ha insegnato che benessere e sofferenza fanno parte del camminoche viene disegnato per ciascuna persona da Qualcuno Superiore. Il percorso va accettato nel bene e nel male, ed io ho cercato di farlo con santa rassegnazione e con la forza d’animo derivante dalla certezza che Qualcuno avrebbe pensato a me. Per cui, nella chiesa in cui sono solito andare per la Santa Messa della domenica, sono corso a pregare e ringraziare Padre Pio.

  •   
  •  
  •  
  •