Pagelle Sampdoria-Juventus 3-2. Si salvano Douglas Costa, Dybala e Higuain

Pubblicato il autore: Alessandro Nardelli Segui

Sampdoria-Juventus
Juventus
, nella gara che vede gli uomini di Allegri prendere 3 gol da una Sampdoria super, guidata magistralmente da Torreira e Zapata in campo e Giampaolo in panchina, e recuperare inutilmente, solo nel finale, due reti, sono in pochi a salvarsi tra i bianconeri. Positive le prove di Douglas Costa, Dybala e Higuain. Pessimi invece Lichtsteiner, Khedira e Mandzukic. Queste le pagelle del match:

Szczesny 6: Nel pomeriggio del tracollo della Juventus, la prestazione del portiere polacco, lanciato titolare per permettere a Buffon di smaltire la delusione azzurra, è abbastanza sufficiente. L’estremo difensore ex Roma, incolpevole sulla rete del vantaggio doriano di Zapata, si fa trovare pronto subito dopo, ancora sul colombiano, negandogli il raddoppio con una parata decisiva. Sulla rete di Torreira, evidente il ritardo della sua uscita.

Lichtsteiner 4: Il terzino svizzero, una sciagura sulla fascia destra per la Vecchia Signora, essendo oramai in avanti con l’età, non garantisce più ne sicurezza, ne spinta. La gara di oggi è imbarazzante, con l’attaccante della Sampdoria Zapata che fa il bello e il cattivo tempo, asfaltando l’ex Lazio.

Rugani 5: Un primo tempo tranquillo, senza troppi patemi, ma nella ripresa, con la squadra di Giampaolo più arrembante, anche il difensore bianconero, come il resto del reparto, va in confusione, anche se fra tutti, è quello a cui si possono ascrivere meno colpe.

Leggi anche:  Milan-Atalanta 0-3: rigore Atalanta e proteste Milan. Ecco la Moviola

Chiellini 5: Frastornato in occasione del gol del centrocampista uruguaiano Torreira, al quale, il difensore juventino concedere fin troppo spazio. Una macchia in una partita tutto sommato sufficiente.

Asamoah 5,5: Una partita a due facce per lui, con un primo tempo appena sufficiente, e una ripresa negativa, che lo vede colpevole sul gol di Torreira, e incapace di garantire anche solo un minimo di spinta sulla fascia.

Pjanic 5: Molto fumo e pochissimo arrosto per il regista bosniaco, che, di ritorno da un infortunio, non ha fiato e gambe necessari a garantire quella qualità di cui avrebbe bisogno come il pane, la mediana bianconera. Avrà modo di crescere nelle prossime gare.
(Dal 79′ Matuidi s.v.)

Khedira 4: Alzi la mano chi lo ha visto nella prima frazione di gioco, in cui fa la parte del fantasma. Nel secondo tempo la situazione peggiora ancora, infatti, a causa della la sua lentezza e macchinosità, arriva a concedere la rete del 3-0 a Ferrari. Il calciatore tedesco sembra aver fatto il suo tempo, ed infatti, non si esclude per lui un addio a gennaio.

Leggi anche:  Formazioni ufficiali Genoa Cagliari, ecco le scelte di Ballardini e Di Francesco

Cuadrado 4,5: Lo sciagurato Juan, avrebbe detto Gianni Brera. Il colombiano, come il famoso Egidio, continua a sprecare troppo porta. Anche oggi, un errore sottoporta che nega alla sua squadra il vantaggio già nella prima metà di match. Per il resto, frulla molto, ma senza concludere nulla in concreto.
(Dal 72′ Douglas Costa 6,5: La miccia che accende la Juventus nel finale di una gara oramai compromessa irrimediabilmente. Il brasiliano si procura il rigore, poi trasformato da Higuain, e lascia in tutti la sensazione che se fosse partito dal primo minuto, la partita avrebbe potuto prendere di sicuro un’altra piega).

Bernardeschi 5,5: Prestazione discreta da parte dell’ex calciatore della Fiorentina, che da subito sfoggio di tutta la sua classe, lanciando in porta in porta Higuain che spreca. Sporca la sua prova con la sfortunata deviazione per la testa di Zapata, in occasione del vantaggio della Samp.
(Dal 62′ Dybala 6,5: Sicuro Allegri, che lasciarlo in panchina sia stata una buona idea? Il fantasista argentino, entrato nella ripresa, trova un bellissimo gol, che porta la Juventus sul 3-2, e che quasi permetteva alla Madama di recuperare clamorosamente un risultato incredibile.)

Leggi anche:  Genoa Cagliari probabili formazioni, ecco le scelte dei tecnici Ballardini e Di Francesco

Mandzukic 4: Che senso ha far giocare sempre e comunque SuperMario, anche quando, come in questo match, arriva in uno stato di forma pietoso? Oggi si più tranquillamente dire che il croato è stato l’uomo in meno della sua squadra, lento e pachidermico. E’incomprensibile come un calciatore come Douglas Costa faccia panchina, e Mandzukic giochi 3 volte su 4 da titolare.

Higuain 6,5: In attacco un’iniezione di freschezza e di buona volontà da parte dell’argentino, che, riacquistata la giusta condizione, si sta dimostrando importante. Contro la Sampdoria, è l’unico a battersi come un leone in avanti. Dispiace per quel contropiede in tre contro uno, buttato alle ortiche in maniera incredibile.

All. Allegri 4: La Nazionale Italiana cerca un allenatore, ci faccia un serio pensiero.

  •   
  •  
  •  
  •