Roma: mezzo passo falso, che succede?

Pubblicato il autore: Giuseppe Porro Segui

Roma-Uber
Succede qualcosa alla Roma? E la seconda gara consecutiva che la compagine capitolina di Eusebio Di Francesco non porta a casa il bottino pieno. Niente di allarmante, non si può vincere sempre e tra l’altro in due trasferte difficili come Madrid (sponda Atletico) e Genova (sponda rossoblu) ma un piccolo campanello d’allarme suona e deve far riflettere, ma andiamo per ordine.

Come già detto, non si può vincere sempre ma dopo la vittoria nel derby i due mezzi passi falsi possono minare un ambiente molto umorale, e mettere in discussione tutto quello che di buono si è fatto sinora. Ci può stare perdere a Madrid, dopo aver vinto un derby e con una qualificazione inaspettata in tasca, con tre risultati su tre che non avrebbero compromesso nulla o quasi, anzi giocando un buon primo tempo, per poi staccare la spina e attendere il ritorno dei “colchoneros” che non si fa attendere, portando così a casa la prima vittoria nel girone. Niente di grave, la Roma è ancora padrona del suo destino che si deciderà martedì 5 dicembre all’Olimpico con gli azeri del Qarabag. Si volta pagina, si va a Marassi per continuare a restare attaccati al gruppo di testa, si domina la gara dove si ha la consapevolezza di sbloccarla quando si vuole (anche se in alcuni momenti la Roma ci è sembrata lenta e compassata), finalmente la sblocca con il solito El Shaarawy che fa solo gol belli e difficili, poi l’entrata in campo nel finale finalmente di Patrick Shick che fa ritrovare alla Roma un protagonista importante per il proseguio della stagione. Tutto perfetto sembrava fatta se nel mezzo non ci fosse stata la follia di De Rossi su un calcio d’angolo, manata al volto di LapadulaVAR; rigore ed espulsione per il capitano giallorosso che toglie il sapore della vittoria, ed i tre punti alla Roma visto che il Genoa non aveva impensierito mai Alisson fino a quel momento.

Leggi anche:  Dove vedere Torino-Milan Primavera: streaming gratis e diretta tv?

Adesso che si fa? La città dall’interno farà i processi a De Rossi che è recidivo (anche se i tifosi hanno il diritto di criticare il comportamento di ieri del suo capitano, che non può cadere in questi errori per la sua esperienza, e la sua storia, e le parole di Totti oggi devono gettare acqua sul fuoco e spegnere le polemiche che la tramontana di stamane stanno alimentando). Ora bisogna ripartire da una vittoria venerdì prossimo contro la Spal e martedì prossimo contro il Qarabag, partite nelle corde della compagine di Di Francesco, facili sulla carta quindi per questo insidiosissime. Stringersi tutti, fare gruppo e prendere 6 punti importantissimi in un periodo dove i giallorossi sembrano appannati, e stanchi nonostante il turn-over che il mister ha attuato a dato i suoi frutti. La nota positiva di ieri, che per il “caso De Rossi è passata sotto tono è finalmente il ritorno in campo proprio di Patrick Shick che può essere un arma in più per Di Francesco, dove c’è un pò di appannamento in questo periodo pronti a vedere una Roma “très Shick

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: