Sorride la Juventus, Benatia in gol e Marocco qualificato al Mondiale dopo 20 anni

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui


Il Marocco si qualifica a Russia 2018. A decidere la partita contro la Costa D’Avorio sono i gol di Dirar e dello juventino Benatia. Si, proprio lui. Il capitano del Marocco che solo pochi mesi fa aveva deciso di abbandonare la nazionale per dedicarsi unicamente al club bianconero.

Lo stesso Benatia a marzo aveva lasciato il suo Marocco per conquistarsi un posto da titolare nella Juventus. Obiettivo non raggiunto sino ad oggi. Sempre dietro nelle gerarchie di Allegri. Nonostante l’addio di Bonucci, Medhi è tra le ultime scelte del reparto difensivo. Chiellini e Barzagli titolarissimi e Rugani che sta trovando meritatamente spazio quando uno dei due senatori presenta qualche acciacco. In attesa di vedere anche il nuovo acquisto Höwedes, Benatia è al momento nelle retrovie dei pensieri del tecnico juventino e chissà che con questo gol con cui ha chiuso la partita e che ha regalato la qualificazione al suo Marocco, nella testa e nelle gambe del difensore non possa scattare qualcosa che gli permetta di guadagnarsi la tanto attesa titolarità nella Juve.

Leggi anche:  Dove vedere Catania-Foggia Serie C, streaming gratis e diretta tv in chiaro Antenna Sud?

Il Marocco di Hervé Renard si qualifica al mondiale di Russia e dopo 20 anni compie un vero e proprio miracolo. Bastava un punto nella sfida diretta contro la Costa d’Avorio, distante una lunghezza in classifica, ne sono arrivati addirittura tre con due reti nella prima parte di gioco. Renard entra quindi nella storia con una personalissima statistica: è l’unico allenatore ad aver vinto due Coppe d’Africa, la prima con lo Zambia nel 2012 e la seconda con la Costa d’Avorio nel 2015, ma soprattutto da questa notte ha il merito di aver riportato il Marocco ad un Mondiale dopo 20 anni. L’ultima apparizione dei marocchini è stata quella del ’98.

  •   
  •  
  •  
  •