Svezia-Italia, Ibrahimovic: “Svezia meno pressioni senza di me. Verratti il migliore per gli azzurri”

Pubblicato il autore: Barbiera Vincenzo Segui

Zlatan Ibrahimovic quando parla non è mai banale. Oggi lo ha fatto in merito alla sfida Svezia-Italia valida per gli spareggi di accesso al Mondiale di Russia 2018. Lo Svedese, rientrante a breve al Manchester United dopo il brutto infortunio, ha esordito analizzando in maniera impeccabile quale sia la situazione della sua nazionale ora che lui ne è assente: “Quando c’ero io – spiega Ibra – tutti si aspettavano di vincere Mondiali e Europei, ma questa è la pressione che do sempre a me stesso e che mi arriva da fuori. Oggi senza di me le pressioni non sono uguali, oggi se la Svezia vince o perde non è la stessa cosa”.  Poi alla domanda di chi fra gli Azzurri sia il migliore Zlatan non ha dubbi: “Verratti! Nessuno è più forte di lui, però devi farlo giocare nella maniera giusta per averlo al massimo, bisogna schierarlo come fa il Psg come centrale in un centrocampo difensivo”. Riguardo al match Svezia-Italia  ha così commentato: “Saranno due belle partite, non facili, complicate per entrambe. La Svezia farà di tutto per passare e la stessa cosa farà l’Italia”.

Infine, quasi d’obbligo, domanda fastidiosa inerente al famoso “biscotto”, il pareggio per 2 a 2 del 2004 tra Svezia e Danimarca che condannò l’Italia a uscire ai gironi all’Europeo di Portogallo, che ancora oggi fa tanto discutere e polemizzare: “Nella mia mentalità una cosa del genere non esiste, chi mi conosce sa che queste cose non le accetto. E’ andata così, non c’è stato nessun accordo”. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Coppa Italia, probabili formazioni Inter-Milan: dubbi per Pioli, Conte lancia Eriksen?