Svezia-Italia, statistiche e combinazioni: gli azzurri si qualificano se…

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

svezia-italia

Il primo atto degli spareggi per l’accesso ai prossimi Mondiali in Russia si è giocato. Il campo ha dato un parziale verdetto: la Svezia ha vinto in casa contro l’Italia, seppur di misura, grazie alla rete di Jakob Johansson al 61° minuto, dagli sviluppi di una rimessa laterale, con la complicità di De Rossi, che spiazza Buffon con una sfortunata deviazione.

L’Italia ha confermato il suo trend negativo, che ha caratterizzato le ultime uscite degli uomini di Ventura: troppo impacciata a centrocampo, sterile in attacco, difesa leggermente da rivedere. Tutte circostanze che hanno determinato questa cocente sconfitta, che complica e non poco i piani qualificazione della Nazionale di Buffon e compagni.

Il match del ritorno al “San Siro” sarà condizionato dall’ansia del risultato e delle combinazioni possibili, che alla stregua consentirebbero all’Italia di staccare il pass per la fase finale dei Mondiali 2018.

SVEZIA-ITALIA: GLI AZZURRI SI QUALIFICANO SE… – Lunedì sera a Milano la Nazionale italiana ha un solo risultato disponibile per centrare la qualificazione: vincere. E lo dovrà fare tenendo conto di una serie di fattori, in mancanza dei quali sarà inevitabilmente fuori dal Mondiale.

Leggi anche:  Juventus - Napoli 2-0 le Pagelle: Cuadrado dominante, Ronaldo da record. Insigne stecca

L’Italia per essere sicura di andare in Russia dovrà vincere con un risultato dal 2-0 in poi, essendo aprioristicamente necessario non subire gol. Infatti una sola rete degli scandinavi varrà doppio, in quanto siglata in trasferta. Un handicap che l’Italia porta con sé dalla “Friends Arena” di Solna, laddove questa sera Immobile e compagni non sono riusciti a violare la porta difesa dall’attento estremo difensore svedese, Robin Olsen.

La rete in trasferta degli uomini del commissario tecnico gialloblù, Janne Andersson, se fosse una ed una soltanto, potrà essere rimediata con un 3-1 degli azzurri, ma guai a subire una seconda rete. Sarà debacle per l’Italia, così come in caso di pareggio con qualsiasi risultato e a maggior ragione con una sconfitta.

Occhio anche agli eventuali tempi supplementari: il regolamento in vigore prevede che, se la squadra che gioca in trasferta segna un gol nei 30 minuti a disposizione, la squadra di casa dovrà segnarne altri due per passare il turno. Al termine dei tempi regolamentari, infatti, se dopo le reti siglate nell’extra time la parità persiste anche al termine dei tempi supplementari, passerà la squadra in trasferta. Un ulteriore ed eventuale macigno sull’Italia.

Leggi anche:  Moggi sicuro: "Ecco chi vincerà lo scudetto. Ora il Napoli è più forte della Juventus. Sarri è un traditore..."

SPERANZE PER LA GARA DI RITORNO – Nelle qualificazioni ai Mondiali di Russia, la Svezia ha perso tre delle ultime cinque gare in trasferta. Gli scandinavi si sono arresi in Francia, perdendo 2-1 contro i transalpini, in Bulgaria, dove i gialloblù hanno perso per 3-2, e nei Paesi Bassi, con il 2-0 rifilato dall’Olanda che, nella circostanza, non è riuscita a qualificarsi alla competizione mondiale. Mentre due sono le vittorie ottenute fuori casa contro Lussemburgo per 1-0 e in Bielorussia con un sonoro 4-0.

In Italia, la Svezia ha vinto una sola volta: era il 15 ottobre 1983 e gli azzurri del c.t. Bearzot e di Bergomi, Ancelotti e Baresi si arresero agli scandinavi. Al “San Paolo” di Napoli, l’Italia subì una cocente disfatta: finì con il risultato di 0-3, con le reti siglate da Strömberg, autore di una doppietta, e Sunesson. La gara era valida per le qualificazioni agli Europei del 1984, ai quali non partecipò l’Italia, campione del mondo ’82, che fu eliminata nel girone di competenza.

Leggi anche:  Super League svizzera: lo Young Boys allunga in vetta

La Svezia ha perso anche l’ultima gara disputata in Italia, seppur in amichevole: era il 18 novembre 2009 e allo stadio “Dino Manuzzi” di Cesena gli azzurri di Marcello Lippi si imposero per 1-0, grazie alla rete di Giorgio Chiellini, uno dei protagonisti appunto del match di questa sera.

In gare ufficiali di qualificazione, anche se per gli Europei del 1988, l’ultima gara in Italia tra gli azzurri e gli svedesi risale al 14 novembre 1987: la Nazionale di Azeglio Vicini vinse sempre al “San Paolo” di Napoli per 2-1, con doppietta di Vialli, intervallata dal momentaneo pareggio di Larsson.

Per la Svezia, il nostro Belpaese risulta essere particolarmente ostico e lo testimonia l’unica vittoria su dieci giocate ottenuta in Italia. Che questa statistica sia di buon auspicio…

  •   
  •  
  •  
  •