Tavecchio, i calciatori di Serie A e B pensano ad una protesta polemica contro la Federazione

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui
Carlo Tavecchio

Carlo Tavecchio confermato Presidente della FIGC

L’eco dell’eliminazione dell’Italia dai mondiali non si placa. Come se non bastasse la mancata partecipazione degli azzurri ai mondiali del 2018, il presidente federale Carlo Tavecchio è rimasto al suo posto ricoprendo la massima carica del calcio italiano. Le mancate dimissioni della coppia Ventura-Tavecchio hanno fatto scalpore: da Malagò a Gilardino, tutti rimangono dell’idea che i due sopracitati non abbiano dato un esempio di correttezza e di senso della responsabilità. Infatti nella riunione che si è tenuta in lega martedì sera, ha fatto molto rumore il silenzio di Damiano Tommasi, presidente dell’Assocalciatori, che alla notizia delle mancate dimissioni di Tavecchio, ha lasciato l’assemblea in corso, come protesta contro la scelta del presidente.

Sulla scia delle polemiche degli ultimi giorni, si aggiungono anche i calciatori di Serie A e Serie B che sarebbero intenzionati a scatenare una protesta nei confronti dei vertici federali capitanati da Tavecchio stesso. Infatti nel weekend tra il 25 ed il 26 novembre, molti calciatori starebbero pensando di protestare contro la cattiva gestione del calcio italiano, eseguendo un sit-in un minuto dopo l’inizio dei match.
Si tratta di un gesto forte e polemico, voluto per contestare il momento in cui si trova il calci italiano, precipitato in un abisso buio dal quale si vuole tentare di risalire, magari partendo da lunedì prossimo quando la FIGC deciderà di confermare la fiducia oppure se attuare dei cambiamenti significativi.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie A DAZN 19a giornata: il programma delle gare