Acerbi, che mostro: 100 partite consecutive senza mai essere sostituito

Pubblicato il autore: Davide Corradini Segui

Campionato, Coppa Italia ed Europa League: il difensore centrale neroverde sempre presente e mai sostituito in tutte le gare dal 18 ottobre 2015

Scusi, ha un minuto da dedicarmi? No, Francesco Acerbi non ce l’ha. Non si ferma mai, ovunque si vada. Campionato, Coppa Italia e persino Europa League: ovunque i neroverdi sono andati, il difensore centrale del Sassuolo non lo hanno mai lasciato a casa, a partire dal 18 ottobre 2015. Ieri, con la partita di Genova vinta 0-1 grazie al gol di Matri al 90’, il difensore classe ’88 ha potuto aggiornare il suo record, facendo cifra tonda: cento gare consecutive in campo per 90’ minuti. In totale ben 9mila minuti, forse qualcosina in più, se si calcolano pure i recuperi.

Acerbi

Tranne la partita del 04 ottobre 2015, in cui i neroverdi persero 1-0 in casa dell’Empoli, e in cui il difensore era stato a casa a causa di un problema muscolare, il ragazzotto le ha giocate tutte e fino in fondo: che in panchina ci fosse Di Francesco, Bucchi o per ultimo Iachini, a lui non interessava. Gli importava solo giocare. Certo, ci sono stati momenti in cui avrebbe potuto rifiatare, ma così non è stato: pensiamo alle tante partite di Coppa Italia, o nell’ ultima partita di campionato, quella vinta domenica scorsa in casa contro il Crotone di Walter Zenga, in cui si era temuto il peggio. Ma alla fine, nonostante tutto, il centralone non ha mai dato forfait. A questo dobbiamo aggiungere i cartellini: mai squalificato in oltre due anni. Per un difensore non è cosa da poco.

Passiamo ora al suo rendimento personale: gioca sempre e spesso bene. In questi ultimi anni, Acerbi si è distinto anche per il rendimento, forse uno dei migliori nella rosa neroverde. Purtroppo, come per ogni giocatore, il calo si è sentito, e si sta abbattendo in questa stagione: non si sa il motivo, forse per il cambio di panchina? Tutto ciò influisce nella sua media al fantacalcio, scesa a 5,5 dopo l’autorete di domenica scorsa. Negli ultimi due anni, però ha viaggiato sempre alla stessa media, 6,46, forse dovuti anche ai gol delle scorse stagioni (2015-16 e 2016-17). In questa stagione è ancora a secco.

La partita di ieri, la sua centesima di fila, chissà che non sia stata l’occasione giusta per riportarlo a segnare nella porta giusta. Per ora Acerbi si accontenta di sistemare la difesa neroverde, quart’ ultima con la Spal in quanto a gol subiti (28). Una certezza però esiste, e si chiama Iachini: il tecnico in tutto ciò è uno specialista e potrebbe tornare a far viaggiare il Sassuolo ai livelli di qualche anno fa, quando, per la prima volta, approdarono in Europa.

Fanta allenatori preparatevi: il Sassuolo è tornato, ora tocca a Beppe Iachini tornare a dare fiducia e sicurezza. Iniziate a prepararvi e puntate su di lui!

  •   
  •  
  •  
  •