Andrea Agnelli punzecchia Bonucci alla festa della Juve: “Chi sposta gli equilibri non è qui”

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui

Andrea Agnelli Juventus
Nel corso della classica cena di Natale della squadra, il presidente della Juventus Andrea Agnelli ha parlato del momento dei bianconeri e degli obiettivi stagionali senza dimenticare gli anni passati, caratterizzati da vittorie e grandi successi a livello nazionale ed europeo.

Il Corriere dello Sport riporta le parole del numero uno bianconero pronunciate durante l’evento natalizio: “Sono state scritte pagine di leggenda, ora gli obiettivi e l’orizzonte devono allargarsi“. Il riferimento del presidente della Juventus è chiaramente agli obiettivi in ambito europeo, con la Champions League che da vero sogno nel cassetto, è diventato negli anni, obiettivo concreto specie dopo le due finali perse.
In merito al campionato e alle incombenti festività ha aggiunto: “Natale è un momento di riflessione in cui si sta in famiglia, ma quest’anno non sarà così perché l’attività durante le festività sarà, per la prima volta in Italia, rivolta al campo. Dovremo rimanere concentrati“.

Leggi anche:  Inter, Conte: “Se vogliamo lottare per qualcosa di importante, serve maggiore precisione”

Nei ricordi di Agnelli, è impossibile dimenticare il traguardo storico raggiunto con ben sei scudetti consecutivi vinti. E quindi ha un pensiero per chi è stato protagonista di quelle vittorie, chi è ancora presente e chi invece sta vivendo altre avventure, come Leonardo Bonucci. Con grande stima, ma anche con dell’ironia, il presidente della Juve ha parlato proprio dell’ex centrale difensivo bianconero, ora in forza al Milan e lancia una piccola, affettuosa frecciatina: “C’è anche chi sposta gli equilibri e non è più qui ma bisogna ricordarlo. Anche a Leo che ha vinto sei scudetti… Pensare a quello che hanno fatto questi ragazzi è qualcosa di straordinario e l’abbiamo così definito”.
Ha poi concluso che lo spirito che ha accompagnato la Juventus al raggiungimento di questi traguardi non muterà e che alla base ci sarà sempre il duro lavoro e il grande sacrificio di tutti i componenti della società.

Leggi anche:  Zazzaroni: “Destabilizzare l'Inter? È in difficoltà e lo capisco”

 

  •   
  •  
  •  
  •