Crotone, svolta Zenga: tanta difesa e cambio di modulo

Pubblicato il autore: Davide Corradini Segui

Zenga

Dopo l’esordio amaro sulla panchina del Crotone domenica scorsa, che gli è costata la prima sconfitta, è iniziata ieri una settimana intensissima per il neo allenatore degli squali, subentrato dopo le dimissioni volontarie di Davide Nicola. Neanche il tempo di partire e già il primo obiettivo da raggiungere: tornare a fare punti dopo le quattro sconfitte consecutive in campionato. Questo, intanto, il comunicato che era apparso sul sito ufficiale del club calabrese: ““Il Football Club Crotone è lieto di comunicare di aver affidato a Walter Zenga la guida tecnica della prima squadra. Il tecnico verrà presentato ‪alle 18.00‬ nella sala stampa dell’Ezio Scida. Zenga ha firmato il contratto nel quartier generale di Salvaguardia alla presenza del presidente Gianni Vrenna e del diesse Peppe Ursino. Il suo vice sarà Benito Carbone, calabrese doc, anche lui ex calciatore e nella scorsa stagione allenatore della Ternana. Nato a Milano il 28 aprile 1960, Zenga ha un eccellente trascorso sia da calciatore che da allenatore. Dopo esser stato una vera e propria bandiera del calcio italiano nonché uno dei migliori portieri del mondo, ha proseguito nella carriera da allenatore allenando, tra le altre, Catania, Palermo e Sampdoria, ed ottenendo diversi titoli all’estero. La Società dà il suo benvenuto a Zenga e Carbone ed augura buon lavoro per la nuova avventura.”

Martedì scorso è stato il suo primo vero giorno di lavoro nella sua nuova avventura in Serie A, ma già da ieri il tecnico milanese ha messo in calendario da qui fino a fine dicembre una doppia seduta di allenamenti, con particolare attenzione ai vari reparti di gioco. Ha cominciato con i difensori: erano presenti tutti gli otto difensori in organico e, insieme allo staff tecnico, hanno sviluppato vari schemi difensivi in modo da cercar di arginare il problema che, da inizio di campionato, la vedono come la terza peggior difesa italiana dopo Verona e Benevento.

Zenga

Zenga prima di allenare il Crotone

Walter Zenga, si sa, è un uomo dalle mille sfaccettature: già dalla gara della scorsa settimana contro il Sassuolo ha portato i primi cambiamenti. L’ex portiere dell’Inter e della Nazionale ha messo mano al vecchio sistema (4-4-2) di Davide Nicola, utilizzato per ben 15 gare, passando ad un nuovo sistema, il 4-3-3, liberando così gli esterni bassi e decongestionando le fasce sulla quali il Crotone sta trovando un po’ di sfortuna. Nel pomeriggio lavoro diverso nel campo n.2 di Antico Borgo, dove il tecnico ha chiesto velocità.

Nei prossimi giorni, ma già probabilmente domani mattina, Zenga passerà a curare centrocampisti e attaccanti e, nel pomeriggio dovrebbe essere prevista una partitella, in vista della sfida di domenica allo Scida contro il Chievo Verona. A parte hanno lavorato ancora Mariano Izco e Andrea Natalini, fermi dopo due brevi infortuni: per loro il ritorno a giocare è previsto verso inizio gennaio.

Zenga finalmente è tornato in Serie A: mentre i tifosi tornano a sperare in una salvezza, toccherà a lui riportare la sua nuova squadra ai livelli degli scorsi anni, magari con una nuova salvezza che partirà dal girone di ritorno. Bentornato Walter!

  •   
  •  
  •  
  •