Infortunio De Sciglio, la rinascita alla Juventus bloccata da un problema muscolare

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
Infortunio De Sciglio

Infortunio De Sciglio

Infortunio De Sciglio, il terzino si ferma per un problema muscolare. Il bianconero è sceso in campo da titolare in quattro match di Serie A, più uno partendo dalla panchina, ma si è nuovamente fermato. L’ex calciatore del Milan ha infatti riportato un problema muscolare, come ha spiegato chiaramente il tecnico juventino, Massimiliano Allegri, durante la conferenza stampa pre-Genoa: «Mandzukic e De Sciglio sono recuperi difficili per la gara con la Roma. Il primo ha dovuto applicare 13 punti di sutura, De Sciglio ha rimediato un problema al flessore, lo valuteremo nei prossimi giorni». Il problema è accorso in occasione dell’allenamento odierno, e costringerà quindi il calciatore della nazionale italiana a saltare anche il big match in programma il prossimo weekend contro la Roma allo stadio Olimpico.

Infortunio De Sciglio, uno stop che rallenta la rinascita di Mattia

De Sciglio è già tornato di un’altra categoria? Contro il Bologna è stato uno dei migliori in campo, così come nelle ultime partite della Juventus. Mattia De Sciglio sembra tornato quello degli esordi al Milan. Allegri lo lanciò giovanissimo, neanche 19enne, in serie A. In estate il suo approdo in bianconero era stato salutato con qualche perplessità dal popolo juventino. Ora invece i tifosi della Juventus esultano sui social, dicendo che De Sciglio ha fatto già dimenticare Dani Alves. Non solo, i tifosi bianconeri sottolineano che nella sorta di scambio tra il terzino e Bonucci, è stata la Juventus a guadagnarci. Marotta e Paratici hanno portato a Torino il classe ’92 per 12 milioni di euro più tre di bonus, mentre il Milan ha speso 40 milioni di euro per il 30enne Bonucci. Naturalmente è ancora troppo presto per dire se è stata davvero la società bianconera. Intanto De Sciglio si è impossessato della fascia destra della Juventus, relegando in panchina Lichtsteiner. Dopo l’infortunio di inizio stagione l’ex milanista è tornato a galoppare come ai bei tempi rossoneri.

Leggi anche:  Buon compleanno José Mourinho! Lo Special One festeggia 58 anni

Mattia è di un’altra categoria”, così diceva Allegri al momento di lanciare il giovane De Sciglio in prima squadra al Milan. Dopo il folgorante inizio però il terzino rossonero ha avuto una lenta, ma costante involuzione. I tifosi rossoneri hanno cominciato a fischiarlo, fino ad accogliere come una liberazione la sua cessione alla Juventus. De Sciglio, faccia da bravo ragazzo ma con personalità, aveva bisogno di cambiare ambiente. Allegri lo conosce bene e ne sta sfruttando al meglio le potenzialità. Forse De Sciglio non sarà mai il nuovo Maldini, ma questo Mattia va benissimo così alla Juventus. Poi anche alla nuova nazionale italiana servirà gente di un’altra categoria.

Infortunio De Sciglio, l’ex Milan come Altafini e Davids

Quello di De Sciglio non è il primo caso di giocatore passato dal Milan alla Juventus e rilanciatosi in bianconero.  na delle prime “vecchie glorie” in cerca di rinascita viste a Torino porta il nome di José João Altafini. Grande protagonista con il Milan, che l’aveva prelevato dal Palmeiras nel 1958, e poi con il Napoli (rimarrà nella storia il “duo delle meraviglie” formato con Sívori), l’italobrasiliano arriva alla Juventus alla “veneranda” età di 34 anni. Troppi per fare la differenza, in un attacco che contava già su un tandem affermato come Bettega.Anastasi? Altafini, al Comunale, non vuole certo “svernare”: i suoi 12 gol nella stagione 1972-73 saranno fondamentali per condurre la squadra di Vycpalek allo scudetto e alla finale di Coppa dei Campioni di Belgrado.

Leggi anche:  Coppa Italia, probabili formazioni Inter-Milan: dubbi per Pioli, Conte lancia Eriksen?

In tempi più recenti c’è stato il caso di Edgar Davids. L’olandese arriva a Milano nell’estate del ’96, insieme al connazionale Reiziger. Davids in questa stagione subisce un grave infortunio alla gamba. Nel 1997/1998 c’è Fabio Capello sulla panchina del Milan. I due non si prendono molto e Davids viene bollato come “mela marcia” a Milanello. L’ex Ajax fa le valige e se ne va alla Juventus nell’inverno del 1997. In bianconero rinasce e vince tre scudetti, ma non riesce a vendicarsi contro il Milan nella finale di Champions League del 28 maggio 2003.

  •   
  •  
  •  
  •