Inter e Icardi, caccia al primato e al record

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui


La caduta del San Paolo del Napoli contro la Juventus apre le porte all’Inter di Icardi e Spalletti. I nerazzurri, che saranno impegnati domenica contro il Chievo, hanno l’occasione, con una vittoria, di balzare in testa alla classifica di Serie A. San Siro avrà quindi il compito di spingere la squadra verso i tre punti che permetterebbero ai nerazzurri di arrivare a quota 39 con una lunghezza di vantaggio sul Napoli, fermo a 38.

Inter, caccia al primato in classifica. Qualcosa è cambiato

L’occasione è di quelle ghiotte, da non lasciarsi scappare. L’Inter ha la possibilità di tornare in vetta al campionato di Serie A dopo stagioni turbolente. La solidità della squadra di Spalletti, unita ad un cambio di mentalità e, ovviamente, alla stabilità societaria, hanno permesso al club di Corso Vittorio Emanuele di tornare a competere per le massime posizioni. Dopo il famoso triplete del 2010, infatti l’Inter ha alternato periodi di alti e bassi. Più bassi a dirla tutta, culminati con le varie esclusioni recenti di diversi allenatori tra tutti De Boer e Stefano Pioli.
Ma con Luciano Spalletti, la musica è cambiata. L’allenatore di Certaldo ha portato in quel di Milano una nuova filosofia. Ha letteralmente modificato l’approccio al lavoro di ogni singolo giocatore e i risultati si sono visti in questo avvio di stagione. Ora l’Inter ha la sua chance. La testa è alla partita di domenica e Spalletti da buon condottiero ha le idee chiare per agguantare il primo posto. La conferma arriva direttamente dal suo profilo Instagram: “Ho già deciso tutto anche contro il Chievo giocheranno 11 titolari“. L’Inter ha l’occasione di fare vedere a tutti che è tornata…Chievo permettendo.
Inter, Icardi giura amore eterno e vuole il record

Leggi anche:  Sconcerti sul Napoli: "Squadra completa. Non è un caso che è davanti in classifica alla Juventus..."

Nonostante le voci di mercato che vogliono Icardi corteggiato dal Real Madrid, e come la stessa moglie e procuratore del giocatore, Wanda Nara ammette, “non solo i Blancos vogliono Mauro”, il capitano nerazzurro giura fedeltà alla maglia e ai tifosi. Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, Icardi avrebbe confidato ad alcuni amici e compagni di voler rimanere all’Inter per sempre: “O mi caccia l’Inter o io resto a Milano fino alla fine della mia carriera“. Parole che sicuramente fanno piacere a tutto l’ambiente e che aiutano ad affrontare con maggiore serenità tutta la stagione. Annata che vede appunto l’Inter e lo stesso attaccante protagonisti.

Mauro Icardi, capitano nerazzurro e bomber dell’Inter, è infatti alla caccia del gol numero 100 in Serie A. L’argentino numero 9 è a -4 dall’obiettivo. Il classe ’93 potrebbe entrare in una cerchia ristretta qualora dovesse raggiungere il traguardo prima dei 25 anni. Infatti prima di Icardi, solamente Meazza, Piola, Boniperti, Borel e Altafini sono riusciti a raggiungere le cento reti prima di aver compiuto il venticinquesimo compleanno. Mauro è a quota 96 gol (86 con la maglia dell’Inter e 10 con quella dell Sampdoria) e ha a disposizione ancora undici giornate prima del suo compleanno il 19 febbraio. Maurito cerca il record, e con la sua media realizzativa di un gol a partita le possibilità di raggiungerlo sono veramente alte.
L’Inter, e i tifosi, ovviamente se lo augurano.

  •   
  •  
  •  
  •