Inter, Goldman Sachs: “I bond consentono di gestire un’attività stabile”

Pubblicato il autore: Giovanni Parisio Segui

Suning, all’interno dell’Inter dal giugno 2016

Tra scetticismo e curiosità, il bond lanciato dall’Inter nei giorni scorsi, prestito obbligazionario garantito dal valore nominale di 300 milioni di euro, continua ad essere tema caldo tra calcio e finanza. Goldman Sachs, per conto della voce di Greg Carey responsabile della divisione sport & finance del colosso finanziario, spiega al Financial Times: “Questa operazione fornisce ingenti somme aggiuntive al bilancio dell’Inter, consentendo al club di gestire un’attività stabile senza far affidamento sul supporto del proprietario. Oltre a rimborsare i debiti preesistenti, il bond ha fornito un’infusione di cassa di 82 milioni di euro. Il bond utilizza una struttura di pagamento a cascata, che garantisce flussi in entrata dai ricavi futuri. Abbiamo sviluppato una struttura che fornisce una solida base finanziaria garantendo che i creditori siano pagati e che allo stesso tempo disciplini il club”.

Formula – Inter Media & Communication S.P.A, in qualità di amministratore unico, broadcasting e sponsorizzazioni di F.C.Internazionale Milano, aveva annunciato il lancio di un prestito obbligazionario con valore garantito da 300 milioni di euro con scadenza nel 2022 e tasso d’interesse al 4,875%. Le Obbligazioni, che rappresentano il primo bond emesso da una società di calcio Italiana sul mercato di capitali internazionale a una vasta gamma di investitori istituzionali, suscitando interesse di investitori a livello globale. Non a caso la domanda è stata di gran lunga superiore all’offerta presentata dall’Inter. Il lancio delle quote sul mercato finanziario, è stato fatto ieri 21 dicembre 2017.

Leggi anche:  Serie A femminile: continua il botta e risposta Milan-Juventus

Autofinanziamento-Il lancio del Bond in casa Inter, come sottolineato dal responsabile sport & finance di Goldman Sachs, servirà alla società di Corso Vittorio Emanuele II per intraprendere un percorso di autofinanziamento che riguardano sia l’aspetto prettamente societario, per rimanere dentro i requisiti e paletti del Fair Play Finanziario,sia per quanto concerne la copertura del debito che, anche, per investire sulla squadra. Il calciomercato, al momento, implica un ulteriore autofinanziamento derivante dalle cessioni. A gennaio le operazioni saranno limitate: Bastoni e Ramires, con un occhio di riguardo verso Parigi.

Spalletti- Il tecnico nerazzurro in conferenza stampa viene stuzzicato dalla domanda sul bond, investimenti e mercato: ““Siamo partiti in un senso, abbiamo dovuto sterzare, non ci si può nascondere quando incontri dei problemi. Tutti siamo parte dei problemi e delle soluzioni. Siamo dentro, ci prendiamo la parte di problemi, prendiamo parte a questo percorso, dobbiamo saperli gestire, saperci convivere. Tutto quello che andremo ad affrontare da qui in avanti lo gestiremo, alla fine si faranno le considerazioni. So benissimo che la Società può avere delle ambizioni, dei limiti dettati dalle regole, non ci saranno budget importanti da investire. Saremo attenti a fare al meglio la nostra professione, consapevoli di avere una forza che è alla base delle nostre convinzioni”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: