Inter, Spalletti: “Non possiamo sottovalutare il Pordenone. Il paragone con Mourinho mi imbarazza.”

Pubblicato il autore: Concetta Manuppelli Segui

L’allenatore dell’Inter Mister Luciano Spalletti

Alla vigilia della sfida per gli ottavi di finale di Coppa Italia Tim che l’Inter disputerà domani sera, a partire dalle ore 21:00, a San Siro, contro il Pordenone, l’allenatore neroazzurro Mister Luciano Spalletti, nel corso di una recente intervista, si è espresso in merito a diverse questioni ed ha voluto rilasciare delle dichiarazioni.
Mister Spalletti ha esternato, infatti, il proprio pensiero in merito alla partita che la squadra da lui allenata giocherà domani sera. A tale proposito, l’allenatore interista, ha voluto precisare: “Non possiamo permetterci di sottovalutare il Pordenone e correre il rischio di subire una clamorosa eliminazione di cui è piena la storia della Coppa Italia. Il loro top player (riferito alla squadra del Pordenone) fa ‘Super’ di nome e ‘Motivazione’ di cognome e sarà il più difficile da affrontare.” Con queste affermazioni, Spalletti ha lasciato chiaramente intendere che la sfida di domani sera va presa sul serio, deve essere affrontata con impegno e non va assolutamente presa sottogamba.
L’allenatore neroazzurro, inoltre, sempre in merito alla partita di domani sera, ha anche voluto sottolineare, con estrema fermezza: “Non sono curioso di vedere cosa faranno i miei calciatori, devo controllare le certezze che mi debbono dare, perché fare una brutta partita, vorrebbe dire creare un po’ di difficoltà al nostro futuro che passa anche da quelle che saranno le prestazioni di qualche calciatore nuovo che scenderà in campo. Li voglio vedere vogliosi di mettere qualcosa in più, di ancora meglio di quello che sono certo metteranno in gara. Una gara tra serpenti, ramarri contro Biscione. Il discorso è che ci vuole intelligenza nell’andare ad affrontare queste partite. Ci ho passato la mia vita professionale in quelle categorie e so che spinta danno queste gare. Venendo qui i cartelli oggi non dicono ‘attenzione neve’, ma ‘attenzione Pordenone’. Basta vedere i primi 30′ contro il Cagliari, per vedere quante volte i sardi hanno preso palla, considerando le difficoltà che noi abbiamo avuto a Cagliari. Saranno le stesse che avremo domani.”  Con queste parole, Mister Spalletti, ha voluto ribadire ancora una volta come nella sfida di domani sera, i giocatori della squadra da lui allenata, nella partita di domani sera, dovranno impegnarsi al meglio delle loro possibilità e dare il massimo, per cercare di superare le eventuali difficoltà che si presentano nella partita contro il Pordenone.
Sempre in merito alla sfida di domani sera che i neroazzuri giocheranno domani sera a San Siro, Mister Spalletti si è espresso in termini abbastanza chiari sulla formazione, in particolare sui giocatori, che schiererà in campo, affermando: “Karamoh, Cancelo, Dalbert, Padelli, Ranocchia, Eder giocano. A un paio di situazioni devo pensarci domani davvero, perché la partita va riempita e devo capire.” Con queste parole, Spalletti ha voluto dire che, nonostante abbia le idee piuttosto precise, riguardo a quali saranno i calciatori che giocheranno la sfida di domani sera contro il Pordenone, penserà domani se fare eventuali modifiche o determinati aggiustamenti alla formazione dell’Inter.
Lo stesso Spalletti, infine, si è espresso anche in merito al recente paragone che è stato fatto tra lui e l’ex allenatore dell’Inter José Mourinho ed a tale riguardo, in termini chiari e con grande convinzione ha voluto sottolineare: “Questo accostamento con Mourinho, mi mette in imbarazzo, bisogna farla finita. Mi costringe a  sottolineare la distanza tra me, che sono qui da due giorni, e chi (riferito a Mourinho) ha fatto la storia dell’Inter. Non si può avvicinare. Fate un favore a me, al mio ruolo se non mi ci mettete vicino a lui. Anche Mourinho sa bene che non sta in piedi.” Con queste affermazioni, Spalletti ha voluto dire chiaramente che il paragone tra lui e Mourinho non è affatto azzeccato, perché non ha alcun senso e non può in nessun modo stare in piedi. Per queste ragioni, lui desidera non essere paragonato all’ex allenatore dell’Inter.
Che ne pensate delle parole dette recentemente da Mister Luciano Spalletti?
Come andrà finire domani sera la partita Inter-Pordenone?

Leggi anche:  Coppa Italia, probabili formazioni Inter-Milan: dubbi per Pioli, Conte lancia Eriksen?
  •   
  •  
  •  
  •