Juventus-Inter, è già sfida scudetto?

Pubblicato il autore: Jacopo Raspatelli Segui

Dopo aver archiviato prima la pratica Napoli e poi quella Champions, la Juventus ha intenzione di continuare la striscia positiva e interrompere l’imbattibilità dei nerazzurri. L’Inter, galvanizzata dal primo posto che non vedeva da quasi due anni, a +2 sulla formazione di Allegri, potrebbe fare il colpo grosso e dare una svolta definitiva a questo campionato. Ma Juventus-Inter è davvero già sfida scudetto?

La nuova Inter di Spalletti è più cinica, attenta e solida. Si dice che il segreto sia il duro lavoro e l’impegno, altri pensano sia la mancanza dell’ingrediente stanchezza, dovuto al fatto che non giocando le coppe l’Inter ha più tempo a disposizione da dedicare al riposo non solo fisico, ma anche mentale. Arrivare a Torino da primi in classifica e da imbattuti significa avere grande consapevolezza dei propri mezzi, ma a volte, quando di fronte hai la Juve, non basta.

Leggi anche:  Atalanta-Genoa probabili formazioni: le scelte di Gasperini e Ballardini

I nerazzurri ritrovano, dopo aver scontato la squalifica, Miranda e Gagliardini che riprendono il posto da titolari a discapito di Ranocchia e Joao Mario. Nonostante l’ottima prestazione contro il Chievo pronto a tornare in panchina anche Brozovic, essendo tornato dal lieve infortunio Vecino. Riconfermati, quindi, gli undici di sempre. L’unico dubbio, probabilmente, è il duello Nagatomo-Santon, con l’italiano che potrebbe avere la meglio sul giapponese.

Tra le fila della Juventus la sorpresa è l’assenza di Gigi Buffon, out nell’ultima gara di Champions e ancora alle prese con un dolore al polpaccio. Ritornano Chiellini, Pjanic e Mandzukic, pronto a strappare il posto a Douglas Costa. Sulla fascia sinistra Asamoah preferito ad Alex Sandro. A sorpresa, ma non troppo, Dybala partirà dalla panchina, utile il suo impiego a gara in corso.

Juve-Inter sarà anche Higuain-Icardi, o perchè no Dybala-Perisic. Sarà la sfida tra il miglior attacco, quello juventino, con ben 41 goal fatti in sole 15 gare, e la miglior difesa, quella nerazzurra, con soli 10 goal subiti. L’Inter è stata la prima delle sole quattro squadre capaci di vincere allo Stadium in Serie A, era il 2012 ed è stata anche l’ultima partita persa dalla Juventus nelle ultime 11 casalinghe in campionato contro la Beneamata (7 vittorie e 3 pareggi). Cerca rivalsa anche Massimiliano Allegri che giocherà contro la squadra contro cui ha perso più partite da tecnico nel massimo campionato. Dall’altro lato, però, non può sorridere Spalletti, che ha vinto solo uno dei 21 match di Serie A da allenatore contro la Juventus (3 pareggi e 17 sconfitte). A decidere il match potrebbe essere Cuadrado, a segno tre volte nelle ultime quattro contro l’Inter, o il capitano Icardi, sette goal in nove partite contro la Juventus per lui. Sarà un match importantissimo per capire il livello di maturità dei neroazzurri, per dimostrare, dopo Roma, Milan e Napoli, che possono battersi davvero contro chiunque e sono pronti a tornare nel calcio che conta. La Juve, ovviamente, farà di tutto per smentirli ed una cosa è certa, la squadra campione d’Italia non starà di certo a guardare.

  •   
  •  
  •  
  •