Milan, Fassone: “Yonghong Li non cederà la società. Senza Champions possibili cessioni”

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

Il Milan ieri sera è tornato alla vittoria contro il Bologna grazie ad una doppietta di Giacomo Bonaventura. E’ la prima vittoria per Gennaro Gattuso alla guida della prima squadra; l’Amministratore delegato milanista Marco Fassone ha rilasciato questa mattina un’intervista radiofonica alla trasmissione sportiva “Radio Anch’io sport” nella quale ha parlato anche del possibile futuro societario del Milan.

Milan, Yonghong Li non venderà ma…

Yonghong Li, ha investito un miliardo di euro in questa società e nessun imprenditore al mondo investirebbe una somma così alta per poi lasciare in corsa, il Milan è una società famosissima, vincente e popolare in tutto il Mondo il suo progetto è a lungo termine e molto costoso, quindi credo che resterà con noi a lungo, ma tutto potrebbe cambiare se la squadra non centra negli anni la qualificazione alla Champions League, perchè a quel punto saremmo costretti a comprare di meno e a vendere qualche top player. Gli acquisti fatti  – prosegue Fassone – li riferei tutti, sono cosciente però che qualche errore è stato fatto, se non andassimo in Champions non avremmo i ricavi e i fatturati che una qualificazione comporta e dovremmo rivedere le strategie di mercato, non vedo però nuvole all’orizzonte. Sono un pò preoccupato per il fair play finanziario l’Uefa ci fa richieste impossibili, ma c’è tempo per approfondire la questione”.

L’intervista di Fassone si è poi soffermata sul momento attuale della squadra:  “Siamo certamente delusi per il nostro rendimento finora, credevamo di avere costruito una squadra che fosse in grado di arrivare tra i primi quattro posti e a quota 70 punti. Il mese di dicembre è complicatissimo e i cambi di allenatore in corsa hanno bisogno di tempo per fruttare. Il ritardo della squadra in campionato è evidente e davanti corrono e per questo siamo amareggiati, ma i ragazzi hanno un rapporto splendido con mister Gattuso e la stagione è ancora lunghissima”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: