Milan, giocatori irritati per il ritiro punitivo. Spunta una presunta lite tra Gattuso e Rodriguez

Pubblicato il autore: Giovanni Parisio Segui
Gattuso

Gattuso-Rodriguez, alta tensione a Verona

La debacle contro l’Hellas Verona lascia il segno in casa Milan. Secondo quanto riporta spaziomilan.it, ci sarebbe stata una lite tra Gennaro Gattuso e Ricardo Rodriguez al termine del match, in cui l’allenatore rossonero ha puntato il dito sullo svizzero, reo di aver provocato la prima rete gialloblù, siglata da Caracciolo, a causa di una mancata copertura che ha costretto Davide Calabria ad un recupero disperato. Squadra in ritiro punitivo, dunque, da ieri. Verona porta con sè strascichi importanti sulla condizione del Milan, sia tattica ma soprattutto mentale. I problemi sono tanti, i numeri pesanti e la Società, dopo un vertice con Gattuso, ha optato con la linea dura.

Numeri– Gennaro Gattuso ha incontrato la dirigenza ieri dopo il ko di Verona. Nessun dietrofront, testa bassa e pedalare. Il confronto con il Milan dello scorso anno, però, è preoccupante: -9 punti. Alla 17a giornata del torneo 2016/2017, i punti erano 33, 9 in più rispetto all’annata in corso. Non solo la situazione classifica, ma anche la fase realizzatica era migliore con 27 gol all’attivo, contro i 23 di quest’anno. Insomma, un Milan che fatica a trovare la quadratura.

Ritiro– Il Milan, dopo aver annunciato il ritiro fino a far da destinarsi ed annullato la cena di Natale, è già al lavoro. Test atletici per migliorare la condizione fisica della rosa. Già ieri a Milanello, in un clima poco sereno, è iniziato il lavoro per preparare il doppio impegno Atalanta e Inter. La squadra lavorerà anche il 24 ed il 25 dicembre in vista del derby di coppa Italia in programma il 27 dicembre contro l’Inter.

Fassone– L’amministratore delegato del Milan, Marco Fassone, ha parlato al Mondadori Store di Milano del ritiro appena partito: “Lunedì pomeriggio ci siamo scambiati delle opinioni con mister Gennaro Gattuso e abbiamo deciso di portare i ragazzi in ritiro. Contro il Verona l’abbiamo vissuta come un’umiliazione, non deve accadere più. Non c’erano le condizioni per festeggiare e quindi abbiamo deciso di passare insieme questi 4 giorni. Tutto questo serve per analizzare e capire il momento, conoscersi, confrontarsi. Sarà un Natale strano e di lavoro, per questo credo sia giusto questo ritiro

  •   
  •  
  •  
  •