Napoli, Insigne punge Higuain:”Zero rispetto per i suoi ex compagni”

Pubblicato il autore: Alessandro Pallotta Segui

Napoli-Udinese
Uno dei maggiori talenti del Campionato Italiano è certamente Lorenzo Insigne, l’attaccante classe ’91, è stato fin’ora protagonista di una stagione superba caratterizzata da 4 reti, 18 assist (di cui 4 vincenti) e tanto sacrificio. Questi dati sottolineano la sua importanza nello scacchiere di Maurizio Sarri che, solo in occasione del match con la Fiorentina (terminata 0-0), ha dovuto rinunciare al suo talento per via di un infortunio che lo perseguita dalla sfortunata partita della Nazionale contro la Svezia.

L’intervista alla Gazzetta
Il Napoli occupa attualmente il primo posto in classifica della Serie A e mai come quest’anno sembra pronto e maturo a riconquistare quello scudetto che manca da oltre trent’anni. In merito a questo, lo stesso talento scuola Napoli, ha parlato in un’intervista concessa alla ‘Gazzetta dello Sport‘ affermando che questa stagione potrebbe essere quella giusta per vincere il campionato e che quest’anno la squadra è consapevole della propria forza. Fino alla scorsa stagione la squadra scendeva in campo con la convinzione di poter perdere o pareggiare una partita, ora si pensa solo a vincere.

Leggi anche:  La Figc multa la Juve ed i medici per non aver effettuato i tamponi a giugno

In merito all’Eliminazione dalla Champions League e all’approdo di una competizione importante come l’Europa League, lo stesso Insigne afferma: “Ho sentito dire che avremmo scelto di uscire dalla Champions per pensare al campionato, ma non è così. Speravo di andare avanti in Champions, abbiamo compromesso tutto nella prima partita con lo Shakhtar, perché l’abbiamo sottovalutato, lo ammetto. Ora abbiamo un’altra competizione (l’Europa League, ndr), proveremo a vincerla: è un trofeo importante”.

L’ottima stagione dello ‘scugnizzo’ è stata però macchiata dalla bruciante eliminazione della Nazionale dal Mondiale di Russia inflitta dalla Svezia. Uno dei principali responsabili della disfatta azzurra per molti è Ventura che, anche in un momento in cui si doveva trovare a tutti i costi la via del goal, non ha schierato Insigne. Alla domanda in merito al suo rapporto con l’ex Ct della Nazionale, Insigne afferma:”Le due gare con la Svezia le hanno giocate grandi giocatori, tutti abbiamo accettato le sue scelte, ci siamo fidati. Dispiace di più che l’Italia non sia andata al Mondiale. Col mister dopo ci siamo salutati: lui che sceglieva e io ho sempre obbedito. Spero che ci siano momenti migliori anche per me e che scelgano bene il c.t. in modo che l’Italia si rialzi più forte di prima. Potrei giocare il Mondiale 2022 a 31 anni, può essere l’età giusta per vincerlo. Ma ora ripartiamo da zero, con un uomo che possa far bene alla Nazionale, con l’Europeo in mezzo, cercando di vincerlo”

Leggi anche:  Dove vedere Lazio - Roma diretta tv e streaming Serie A

L’unica sconfitta stagionale in Serie A è stata causata dall’acerrima rivale Juventus con il goal dell’ex compagno di squadra Gonzalo Higuain. Proprio subito dopo l’esultanza del ‘pipita’, le telecamere hanno pizzicato Insigne in un battibecco con l’ex punta di diamante del Napoli:” Mi è dispiaciuto: è stato tre anni con noi, al di là della scelta che poi ha fatto e non aggiungo altro. Ha fatto goal a Torino e non ha esultato, così come a Napoli. Invece, quest’anno l’ha fatto. Avrebbe dovuto avere un minimo di rispetto per noi ex compagni, dice di essere nostro amico, invia messaggini ad alcuni di noi alla vigilia e poi ci esulta in faccia? E’ stata una mancanza di rispetto”.

  •   
  •  
  •  
  •