Real Madrid, Zidane che record: 8 titoli in 712 giorni e due Mondiali per Club di fila

Pubblicato il autore: Mimmo Visconte Segui

E’ stato un grande giocatore nei club in cui ha giocato, ma il presidente del Real Madrid Florentino Perez, ha visto davvero lungo quando due anni e mezzo fa gli ha affidato la guida tecnica di un Real in crisi nera dopo l’esonero di Rafa Benitez, stiamo parlando di Zinedine Zidane. L’ex fuoriclasse francese, era approdato con scetticismo in prima squadra dopo aver allenato la succursale madridista del Castilla comunque con più che discreti risultati. Il Popolo “merengues” di certo non immaginava il record di trofei che zizou sarebbe riuscito a mettere a segno anche da tecnico, dopo averne fatto il pieno con i blancos da calciatore. In soli 712 giorni, ha vinto otto trofei, l’ultimo ieri sera, quando il Real ha vinto il mondiale per club per la terza volta nelle ultime quattro edizioni, la seconda con lui in panchina.

In 115 partite, Zidane ha conquistato mediamente un trofeo ogni 89 giorni che corrispondono a 14 partite giocate, un record davvero straordinario ad appena 45 anni. L’ex stella di Juventus e  nazionale francese eguaglia così Molowny piazzandosi al secondo posto nella classifica di tutti i tempi della storia madridista in fatto di tecnici che hanno conquistato il maggior numero di coppe. E’ stato il primo della storia a vincere la Champions League, con il format attuale per due anni di fila, battendo l’ Atletico Madrid e proprio la sua ancora molto amata “Vecchia Signora”. Nessun club era ancora riuscito in questa impresa e pensare che era stato designato come un traghettatore destinato a lasciare spazio ad un collega con un nome più altisonante e con più esperienza rispetto a lui e invece ha anche riportato la Liga nella bacheca del Real, dopo parecchio tempo, condito dai continui successi del Barcellona nel massimo campionato spagnolo; infine con quattro supercoppe totali equamente distribuite tra spagnola ed Europea. Ha avuto il merito di lanciare in squadra anche giovani in mezzo a tanti campioni affermati far giocare con continuità Marco Asensio specie in questo ultimo anno facendolo immediatamente rientrare dal periodo di prestito è stata una scelta azzeccata, riuscendo a portare il giocatore anche in una nazionale zeppa di campioni e talento come la Spagna.

  •   
  •  
  •  
  •