Roma, annuncio di Di Francesco: “Schick è pronto per giocare”

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui

roma

La Roma scenderà in campo domani nel lunch match del Bentegodi contro il Chievo con la mentalità vincente di chi ha fatto razzie in Europa, riuscendosi a qualificare per gli ottavi di Champions da prima forza in un girone quanto mai ostico.
Ma Di Francesco è consapevole che l’euforia potrebbe giocare brutti scherzi, per questo motivo predica calma, specie nella prossima trasferta particolarmente ostica.

Roma, annuncio di Di Francesco: “Schick è pronto per giocare”

Domani a Verona Di Francesco avrà a disposizione un importante banco di prova per valutare la durezza mentale degli uomini a sua disposizione: “Dopo una qualificazione così, c’è una partita delicata – esordisce il tecnico -. È una trasferta difficile, contro una squadra ostica. Dobbiamo dare una risposta importante, ritornare a vincere fuori casa dopo il pari con il Genoa».
Tuttavia il tecnico giallorosso potrà contare su Schick, che potrebbe essere impiegato dal 1′ nella gara contro i clivensi: “La formazione è molto riservata, voglio tenere tutti sul pezzo, devono essere attenti – afferma Di Francesco -. Non dobbiamo abbassare la guardia, non sanno neanche loro chi gioca. Tutti devono sentirsi titolari. Kolarov e Dzeko potrebbero rigiocare, abbiamo avuto 5 giorni per recuperare dopo il Qarabag. Gli unici giocatori che non sono allenati con continuità sono Perotti e soprattutto Florenzi – chiarisce il tecnico -. Bruno Peres invece molto probabilmente sarà titolare. Schick invece è pronto per giocare dal primo minuto. Non so ancora in che ruolo”.

Non manca tuttavia una battuta su Juventus-Inter di questa sera, in cui Di Francesco spera su un risultato in particolare, per coltivare l’ambiziosa rincorsa al vertice: “Nei big match vorrei sempre un pareggio. Sarà una bellissima partita che ci godremo in tv sperando in un pari“.

Di Francesco non risparmia un commento in merito al rinnovo del contratto di Diego Perotti, arrivato proprio in settimana: “Tanti giocatori ambiranno a venire alla Roma, i rinnovi non mi meravigliano – afferma l’allenatore giallorosso -. Sono molto integrati nel progetto e credono nella crescita di questa squadra e credono di poter portare a casa qualcosa di veramente importante. Sono cose di cui io non parlo mai con la società né con i calciatori – chiarisce Di Francesco -, con Monchi c’è sempre stata molta chiarezza. Io non faccio la formazione in base agli anni di contratto rimasti”.

In conclusione, il tecnico della Roma predica calma assoluta, evitando di sentirsi già appagati con la semplice qualificazione in Champions. Nella Capitale aleggia il desiderio di vittoria e Di Francesco coltiva alla stragrande questa idea, con un secco riferimento alle dichiarazioni del tecnico della Juventus: Allegri parla sempre di Roma? Lui può parlare benissimo delle altre, le vince tutte – ribadisce il tecnico giallorosso -. Non mi pare che qui a Roma si sia vinto tantissimo negli ultimi anni. Per questo è ancora presto, dobbiamo migliorare in tanti aspetti – chiarisce Di Francesco – Se fossimo primi come l’Inter potremmo parlare in maniera diversa, ma noi siamo dietro e stiamo rincorrendo. L’anno scorso la Roma ha rincorso tanto in un campionato strepitoso che ha portato un ottimo secondo posto ma non si è vinto niente alla fine – aggiunge -. Sono giustamente cauto perché credo che questo ambiente abbia bisogno più di un pompiere. Noi dobbiamo infiammare la gente con le prestazioni e la voglia di voler far sempre gol e vincere tutte le partite. Questo però non è sempre sinonimo di vittoria. La parola cauto mi si addice molto ora – conclude Di Francesco -“.

L’ambiente giallorosso è davvero carico, un rilancio in classifica sarebbe un gran toccasana per una società ed una tifoseria che merita tanto quanto in questi anni in ombra ha seminato.

  •   
  •  
  •  
  •