Roma, dopo Ilary Blasi anche Bruno Conti punge Spalletti: “Si è comportato male con Totti”

Pubblicato il autore: Giovanni Parisio Segui


Totti non meritava un addio così, ha trovato un tecnico che non si è comportato bene“.  Il caso Totti-Spalletti che ha caratterizzato la scorsa stagione alla Roma, torna in auge dopo l’intervento di Bruno Conti a Roma Radio. L’ex Capitano giallorosso paragona il suo addio, amaro, con quello del “Pupone” lo scorso anno al termine di una gloriosa carriera con la maglia della Roma.

Queste le parole dell’ex leggenda della Roma anni ’80: Francesco dalla Roma e dalla Nazionale ha avuto tutto, ma se vogliamo il nostro addio è stata una cosa un po’ forzata e con mancanza di rispetto. Io ho deciso di smettere e non andare in un’altra società, e sicuramente è quello che è successo a Francesco, con un tecnico che non si è comportato bene come successe a me con Ottavio Bianchi. Io l’ho rivissuto sulla mia pelle. Non se lo meritava”.

Leggi anche:  Inter cooperativa del gol: quanti marcatori diversi per Inzaghi

Che il rapporto tra Luciano Spalletti e Francesco Totti nelle ultime due stagioni in giallorosso del tecnico di Certaldo si era incrinato è un dato di fatto (e ieri lo hanno confermato anche le parole di Ilary Blasi). Totti, dal canto suo, ha sempre mantenuto un certo profilo riguardo la situazione con l’ex tecnico. Nelle ultime due stagioni Spalletti ha schierato Totti con il contagocce, ma il numero 10 ha risposto presente, soprattutto quando ha risolto alcune gare complicate come a Bergamo nella stagione 2015/16 per esempio. 28 presenze in campionato e 7 gol, questo il bilancio dell’ultimo biennio Spalletti-Totti, per un totale di 785 partite con la maglia della Roma  e ben 387 gol.

Oltre al rapporto tra Totti e Spalletti, Bruno Conti ha parlato anche Di Francesco e Florenzi: “Eusebio avendo fatto anche il team manager oltre che l’allenatore, conosce l’ambiente ed è una persona intelligente. Sa che ci sono momenti di esaltazione e momenti più delicati, la sua bravura è tenere compatto l’ambiente. In chi mi rivedo? In Florenzi. Alessandro è tanta roba, sia in fase difensiva che offensiva”.

  •   
  •  
  •  
  •