Roma, Perotti con due gol fa incassare 50 milioni ai giallorossi

Pubblicato il autore: Ivan Aiello Segui


Due gol che valgono oro per Diego Perotti, ovvero l’uomo Champions della Roma.
I gol dell’argentino in Champions valgono oro proprio nel senso letterale del termine, dato che hanno consentito di far entrare nelle casse della società capitolina la bellezza di 50 milioni di euro, e visti i tempi non sono certo bruscolini.

Il primo gol milionario è datato 28 Maggio, durante l’ultima partita dello scorso campionato. Si gioca Roma – Genoa e il Capitano Francesco Totti dà l’addio al calcio. Nel turbinio di emozioni dell’Olimpico, l’obiettivo della squadra, guidata allora da Luciano Spalletti, è solo e soltanto uno: vincere.
Diego Perotti segna al 90′ contro i suoi ex compagni del Genoa e fissa il punteggio sul definitivo 3-2 per i giallorossi spalancando le porte dell’accesso diretto in coppa ed evitando così i preliminari.

Il secondo gol, invece, è di ieri sera contro il Qarabag. Un 1-0 contro gli azeri che vale il primo posto nel girone di ferro in virtù del pareggio tra Chelsea e Atletico Madrid a Stamford Bridge. Tutti e due nella stessa porta, tutti e due sotto la Curva Sud, tutti e due di un’importanza straordinaria. Se non è un sogno, poco ci manca.

Leggi anche:  Balotelli in Nazionale, Mancini sorprende: "Perché no?"

Lo straordinario risultato raggiunto dalla Roma, culminato con il raggiungimento del primo posto nel girone di ieri sera, è frutto chiaramente del lavoro di tutta la squadra. Nel momento del sorteggio dei gironi, alla vista di squadre come il Chelsea di Antonio Conte e l’Atletico Madrid di Diego Simeone (una squadra che ora giocherà in Europa League dopo aver raggiunto due finali di Champions in quattro anni, quindi non esattamente l’ultima arrivata) in molti avevano dato già per spacciata la formazione giallorossa. Oggi, invece, la storia ci racconta altro. Ci mostra soprattutto quanto prezioso si stia dimostrando il lavoro di Eusebio Di Francesco, che fin dal principio (dal ritiro estivo di Pinzolo per intenderci) ha puntato tutto sulle straordinarie qualità dell’argentino. L’intesa con il tecnico pescarese è lampante e lo stesso Perotti, reduce da una settimana non proprio esaltante caratterizzata da un incidente con la sua Porsche prima e dall’assenza nell’ultima di campionato contro la Spal per un affaticamento muscolare e un problema al ginocchio poi, ha dichiarato in un’intervista che quasi sicuramente se fosse rimasto Luciano Spalletti sulla panchina della Roma, la sua strada sarebbe stata diversa.

Leggi anche:  Miranchuk, l'uomo degli esordi col botto. Prime tre apparizioni, tre goal

Ora invece, il rinnovo con la società giallorossa sembra essere una pura formalità e le dichiarazioni d’amore nei confronti di Mister Di Francesco e del DS Monchi sono praticamente all’ordine del giorno. E vissero tutti felici e contenti, dunque. Felice e contento è sicuramente l’argentino che nel post partita commenta così: “È un momento bellissimo per noi. All’inizio nessuno credeva in noi. Ma abbiamo lavorato tanto e ci siamo meritati la qualificazione. E’ stato difficile, loro erano tutti dietro. Ma noi abbiamo usato la testa e siamo rimasti uniti“.

Felici e contenti sono i tifosi romanisti: la storia della loro squadra in Champions da ieri di fregia anche di un primo posto in un girone con i campioni d’Inghilterra in carica e una squadra che ha centrato due finali in quattro anni.
Ma felice e contento è soprattutto James Pallotta. Un calciatore acquistato a circa 10 milioni di euro con soli due gol gliene ha fruttato già una quarantina in più.

  •   
  •  
  •  
  •