Roma, Perotti:” Con Spalletti sarei andato via, mi voleva il Milan ma ora rinnovo”

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Roma, Perotti a tutto campo. E’ uno dei grandi protagonisti della Roma di Eusebio Di Francesco e ora pensa al rinnovo con i giallorossi. Diego Perotti parla a cuore aperto a Il Romanista. Dal possibile addio al calcio fino al sogno di andare al Mondiale con l’Argentina, l’ex Genoa si confida. “Prima di arrivare in giallorosso mi volevano altri club, come il Milan. Ho sempre voluto i giallorossi, anche per il fascino di una città storica che era ottima per la mia famiglia. E poi a Genova avevo Burdisso come compagno. Mi parlava della città, della squadra, dei tifosi che erano caldissimi, cosa importante per noi argentini. Stava sempre a parlare della Roma e dei tifosi”. Perotti parla anche dei suoi tanti problemi fisici che potevano fermare anzitempo la sua carriera:”Ho pensato spesso di smettere? Sì, per gli infortuni. A Siviglia, al Boca. Ho fatto un intervento per l’ernia del disco, ma prima di quello un intervento per gli stiramenti al flessore e nonostante l’operazione ho continuato a stirarmi”. L’argentino svela che oggi ha un grande lavoro di forza per prevenire problemi muscolari.

Leggi anche:  Nuovo Torino, il 4-4-2 di Nicola e Ventura. Le posizioni di Singo, Verdi, Ansaldi, Izzo...

Perotti alla Roma ha ritrovato Monchi. I due hanno lavorato insieme già al Siviglia e ora hanno un rapporto destinato a continuare a lungo. “Il mio procuratore sta parlando con Monchi. Voglio restare, non ci saranno problemi perché quando arrivi a una certa età diventa tutto più facile. Quando ero ragazzo mi arrabbiavo di più”. Troppo prezioso per la Roma la presenza di Perotti per non blindarlo con un lungo contratto.

Perotti:”Con Spalletti sarei andato via, ora sogno i Mondiali”

Perotti parla anche del suo non facile rapporto con Spalletti. “L’anno scorso è passato con la difesa a tre, con Nainggolan sulla trequarti ed è stato vincente. Non è vero che non voglio giocare a destra, ma preferisco stare a sinistra”. L’argentino conferma che se Spalletti fosse rimasto a Roma lui sarebbe andato via. I Mondiali con l‘Argentina sono il suo sogno:”Se non fossi mai stato convocato non ci penserei. Ma visto che Sampaoli mi ha chiamato di recente ci credo“. Perotti esalta Di Francesco.“E’ l’allenatore che più mi ha detto di lavorare sul tiro. Per me è bello avere un tecnico che ama il gioco in verticale. A Pinzolo abbiamo lavorato molto su questo e i frutti si stanno vedendo”.

Perotti ha parole dolci per De Rossi:Daniele lo vivo tutti i giorni, è il primo tifoso della Roma. Ha fatto un errore con il Genoa che può capitare a tutti, noi siamo sempre con lui”. L’argentino tornerà titolare in Champions League con il Qarabag, dopo essere rimasto a riposo contro la Spal. Quella contro gli azeri è la partita più importante della stagione della Roma. Una vittoria per arrivare agli ottavi di Champions League, cosa che non accade dal 2015/2016. Un obiettivo da centrare per far arrivare anche un buon incasso economico. A Trigoria si affrettano a dire che a gennaio non succederà niente sul mercato. Ma anche nel calcio l’appetito vien mangiando e in casa giallorossa c’è grande fame di vittorie.

  •   
  •  
  •  
  •