Sciopero Rai Sport: Juventus-Torino del 3 gennaio senza telecronaca

Pubblicato il autore: Giovanni Esposito Segui

Nella giornata di ieri Mediaset ha acquistato i diritti tv dei mondiali 2018: questa decisione non è stata gradita dai giornalisti Rai che hanno indotto una protesta contro questa decisione da parte della Rai.

Diritti dei Mondiali 2018 presi da Mediaset. Dopo tanti anni, per la prima volta, non sarà la Rai a trasmettere le partite del Mondiale di Russia 2018: ieri è arrivata l’ufficialità dell’assegnazione dei diritti dei mondiali a Mediaset. Le ultime indiscrezioni di stampa hanno indicato che il gruppo avrebbe messo sul piatto una offerta da 78 milioni per ottenere i diritti tv dei 64 match della competizione a cui, come noto, non prenderà parte la Nazionale italiana di calcio. Una vera e propria rivoluzione per Mediaset che metterà in atto un programma accurato per la visione delle partite del mondiale: infatti tutte le partite del mondiale saranno trasmesse in chiaro sulle reti Mediaset e anche in diretta streaming cosa che sarà gradita a tutti gli amanti del mondo del pallone.

Leggi anche:  Coppa Sudamericana: storica affermazione del Defensa y Justicia

I giornalisti Rai non prendono bene la notizia. La notizia non è stata ben accolta dai giornalisti della Rai  che hanno annunciato il loro sdegno e hanno intenzione di scioperare contro questa decisione. Infatti, l’USIGRAI, ha intenzione di protestare in occasione del match di Coppa Italia Juventus-Torino fissata per il 3 Gennaio in diretta sulle reti Rai. La partita, infatti, potrebbe andare in onda senza telecronaca e senza interviste dal campo. Questa decisione è stata resa nota grazie al comunicato emesso dall’USIGRai: ” USIGRai (Unione Sindacale Giornalisti Rai) e CdR Raisport esprimono sconcerto per la mancata assegnazione dei diritti in chiaro dei Mondiali in Russia. Un fatto gravissimo e inaccettabile sia a livello di immagine e sia nei confronti dei cittadini: per questo tutti i giornalisti di RaiSport sono in uno stato di agitazione e pronti allo sciopero. Il quadro è particolarmente confuso in tema di diritti sportivi e l’annunciato taglio di budget segna un ulteriore impoverimento nello sviluppo della Testata. La prossima chiusura di Raisport 2, a fronte degli spazi di palinsesto persi sulle reti generaliste, è da considerarsi inaccettabile.” La situazione per i giornalisti Rai non è semplice: dopo aver perso i diritti sulla stagione di F1 ora hanno perso anche i diritti sui mondiali 2018.

  •   
  •  
  •  
  •