Viareggio cup: da domani via alle semifinali

Pubblicato il autore: Luigi Lencioni Segui

Per la Viareggio cup, o coppa carnevale la più grande manifestazione nostrana di calcio giovanile siamo giunti alle  semifinali che saranno : Juventus – Fiorentina e Inter under 19 contro il Parma. Si giocheranno domani,  la prima alle ore 15, la seconda alle ore 18 e ci sara’ la copertura di Rai sport.
Sono rimaste in 4 dopo una lunga battaglia con tanti ragazzi molto interessanti. In Versilia per questa manifestazione ogni anno vediamo i migliori direttori sportivi muoversi per visionare i giovani futuri campioni. Mirabelli ha già osservato  il quarto bianconero e lo stesso Marotta e’ spesso in tribuna a vedere la sua squadra . Juve un po’ in difficoltà in campionato, con una partenza a rilento, adesso pero’ la squadra di mister Dal Canto sembra in ripresa e a Viareggio ha fatto un percorso netto. La Viareggio cup, ha una storia importante ed e’ una competizione giovanile internazionale di primissimo livello che tutti tengono a vincere, rende prestigiosa la storia della squadra vincitrice. La finale si giochera’ nella citta’ del carnevale allo stadio dei Pini cone da tradizione.
Juve e Fiorentina hanno una grande rivalità e sono il top dei settori giovanili italiani.L’ Inter e il Parma si contenderanno l’ altro posto in finale, con gli emiliani che cominciano a rivedere la luce partendo anche da questo risultato già ottimo, pero’ come si dice : ” l’ appetito vien mangiando..”. Il calcio giovanile ha la sua grande vetrina e merita una grande visibilità, i fututri campioni passano da queste manifestazioni. Basta ricordare un nome su tutti quello di Ciro Immobile per capire bene la situazione. L’ attaccante biancoceleste ha vinto il Viareggio con la maglia bianconera. Nessuno meglio di lui da come si fa’ e se ora e’  il grande attaccante che tutti conoscono, un po’ del merito e’ anche di Viareggio e della sua affascinante coppa carnevale.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Napoli, il club chiarisce sugli atteggiamenti di Insigne: il comunicato