Juventus contestata a Vinovo: “Tirate fuori i c…”. Buffon e Marchisio a colloquio con i tifosi

Pubblicato il autore: Giuseppe Consiglio Segui

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

In casa Juventus la sconfitta contro il Napoli ha creato diversi malumori in alcune frange del tifo estremo bianconero. Nella giornata di ieri una nutrita delegazione di ultras bianconeri si è presentata davanti ai cancelli di Vinovo per “riprendere” la squadra dopo le deludenti prestazioni, dal punto di vista non solo del gioco ma anche dell’atteggiamento, degli ultimi tempi. Il gruppo organizzato dei Drughi ha fatto trovare davanti al centro d’allenamento della squadra di Allegri uno striscione inequivocabile:“Noi con la voce, voi con il Cuore. Vinciamolo”.

Il messaggio è molto chiaro: dopo le partite contro i partenopei e contro il Crotone, che hanno di fatto riaperto i giochi in ottica primo posto, i tifosi della Juventus non vogliono vedersi sfilare al fotofinish il tricolore e hanno chiesto ai giocatori maggiore impegno, soprattutto in vista del delicatissimo e sempre sentitissimo match di San Siro contro l’Inter, in programma sabato. Durante tutta la sessione d’allenamento di ieri gli ultras hanno intonato cori, anche piuttosto coloriti: “Tirate fuori i c…” è stato lo slogan che ha accompagnato una contestazione che dalle parti di Vinovo non si viveva ormai da parecchio tempo e che ha allertato anche le forze di polizia, seppur non vi siano state ripercussioni sull’ordine pubblico.

E’ stata anche l’occasione di un confronto con alcuni calciatori, bloccati all’uscita dall’allenamento. Oltre a Cuadrado, Pjanic e Dybala, si sono intrattenuti con i propri sostenitori due senatori come Claudio Marchisio e Gianluigi Buffon, che hanno cercato di rasserenare l’animo dei propri supporters, dando anche spiegazioni su alcune situazioni rimaste equivoche, come il fatto che, in occasione della sconfitta contro il Napoli, nessuno sia andato sotto la curva. Insomma, l’aria intorno alla Juventus inizia a farsi molto pesante, mentre dietro i ragazzi di Sarri incalzano.

  •   
  •  
  •  
  •