Juventus, Comune di San Lorenzello: “Festa scudetto? Si, ma nella zona adiacente al depuratore”

Pubblicato il autore: Gabriele Tufano Segui

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Dopo una stagione intensa, ricca di gioie, ma non senza qualche delusione -vedi l’immeritata eliminazione dalla Champions per mano del Real-, la Juventus si prepara a festeggiare il settimo scudetto consecutivo, il 34esimo della sua storia. La società, infatti, tramite una nota ufficiale pubblicata sul proprio sito, ha reso noto il programma della festa Scudetto che verrà messo in pratica dopo il match con il Verona -l’ultimo di Buffon con la maglia della Juventus-. Come si apprende dalla nota, dunque, dopo i festeggiamenti in campo la squadra sfilera per le vie di Torino con un bus scoperto tra migliaia di tifosi per celebrare la conquista del sesto double della sua storia.

Ma non solo a Torino si preparano le celebrazioni per il 34esimo scudetto. Infatti nei giorni scorsi alcuni tifosi della Juventus residenti nel comune di San Lorenzello (Benevento) hanno richiesto al sindaco, Antimo Lavorgna, di chiudere al traffico le strade del centro storico affinchè fosse permesso loro di festeggiare il trionfo bianconero. Il sindaco, però, in maniera inaspettata ha risposto con questa ordinanza: “Il centro storico non può essere chiuso al traffico per la manifestazione in oggetto. I colori bianconeri non sono adeguati alla bellezza del nostro centro storico. Pertanto si mette a disposizione l’area adiacente il depuratore comunale con la clausola di fare molta attenzione a non mischiare il liquame buono con quello cattivo. Auguriamo buon divertimento”. 

Visto lo scalpore creato, il primo cittadino di San Lorenzello, naturalmene tifoso del Napoli, ha poi voluto precisare: “Il documento non è passato per il comune. Manca il numero di protocollo, la carta intestata non è quella ufficiale. La manifestazione è stata autorizzata e si svolgerà regolarmente. Le intenzioni erano altre, un gioco, una leggerezza. Le persone coinvolte si conoscono tutte benissimo. Ho ricevuto centinaia di telefonate, finanche da Torino. Spero che tutto possa rientrare in tempi rapidissimi”.

  •   
  •  
  •  
  •