La resa di De Laurentiis: “Nessun campionato falsato. Se giochiamo sempre con gli stessi…”

Pubblicato il autore: Giuseppe Consiglio Segui
during the pre-season friendly match between SSC Napoli and OGC Nice at Stadio San Paolo on August 7, 2016 in Naples, Italy.

Foto professionale Getty Images© selezionata da SuperNews

Tutto il mondo del calcio, e non solo, ha detto la sua sulla sfida tra Inter e Juventus di sabato scorso, incendiata dalle polemiche sull’arbitraggio di Orsato. Mancava solo uno dei protagonisti principali di questo campionato, Aurelio De Laurentiis, ad esprimere il proprio pensiero sulla vicenda della settimana. Il patron del Napoli ha affidato al Mattino le sue riflessioni, senza tuttavia lasciare adito ad ulteriori polemiche come ci si aspetterebbe da un personaggio vulcanico come il produttore cinematografico partenopeo. “Non credo che il campionato risulti falsato dall’arbitraggio di Orsato– dice De Laurentiis- ma sicuramente nella partita di San Siro sono successe tante cose. Basta guardare i cambi dell’Inter: Spalletti ha tolto Icardi e messo tanti giocatori a freddo a 5 minuti dal termine che non avevano la stessa tensione”.

Insomma, il presidente del Napoli non si schiera con il partito dei complottisti, piuttosto analizza in maniera molto lucida l’evento. Non mancano ovviamente considerazioni sul grande protagonista di questa Serie A, il Var: “A volte la tecnologia non è stata utilizzata, altre volte è stata usata in modo sbagliato, ma continuo ad essere un convinto sostenitore del Var, non voglio metterlo sotto accusa. Sicuramente un primo passo per migliorarlo sarebbe quello di mandare i tecnici in cabina e non gli arbitri”.

Ma ciò che più stupisce delle parole di De Laurentiis al Mattino è la critica alla gestione della squadra nei confronti del suo tecnico, Maurizio Sarri, ripercorrendo un tema affrontato tante volte dagli opinionisti sportivi durante questa stagione, circa la mancanza di valide alternative a disposizione degli azzurri: “Credo che stiamo pagando la stanchezza di una stagione iniziata prima di altri, con i preliminari di Champions League. Senza considerare che a giocare sono sempre gli stessi… In alcuni momenti sarebbe stato emglio tirare il fiato in vista del rush finale. Se Ghoulam non si fosse fatto male avremmo mai scoperto quale buon giocatore è Mario Rui?“.
Provocazione forte quella del numero uno del Napoli, che sembra quasi alzare bandiera bianca sulla possibilità di un miracolo della sua squadra nella corsa scudetto e che non saranno ben accettate dalle parti di Castel Volturno. Con buona pace di Sarri e di un possibile, ma ormai improbabile, rinnovo del contratto.

  •   
  •  
  •  
  •