Due italiane rimandate all’ultima sfida: al Napoli basta un gol all’Anfield e l’Inter nelle mani del Barça

Pubblicato il autore: GABRIELLA de rosa Segui

Nel girone B si classifica primo indiscusso il Barcellona battendo il PSV passando agli ottavi, partita che porta la solita firma di Leo Messi. Per quanto riguarda la seconda, la sfida è ancora aperta e la decisione è rimandata alla prossima sfida tra Barcellona e Tottenham e Inter – PSV. Se l’Inter approderà agli ottavi non dipende solo da quanto ce la metterà per vincere la sfida con il PSV ma anche dalla certezza che il Barcellona voglia continuare il primato di imbattibilità in casa, non rompendo questa striscia positiva di vittorie che dura dal 1 maggio 2013, data dell’ultima sconfitta in casa del Barça.
La partita di stasera era stata programmata per un pareggio da garantire ai nerazzurri il secondo posto nel girone. L’Inter gioca bene e contiene gli Hotspurs ma non abbastanza da non permettere quella rete che procrastina e mette in dubbio la qualificazione. A Londra arrivano circa 5.000 tifosi interisti a sostenere la squadra e si fanno sentire ma tornano a Milano sconfitti e delusi. Anche Spalletti sembra deluso dalla prestazione della sua squadra.
La squadra di Pochettino però ha un vantaggio di reti che a pari punteggio con i nerazzurri si qualificherebbe grazie alla differenza reti. L’inter aveva impostato la sua partita, ha giocato una partita difensiva correndo dei rischi e costruendo azioni mai particolarmente pericolose che però subisce gol a pochi minuti dalla fine. Il pareggio che stavano mantenendo sarebbe stato perfetto per arrivare agli ottavi, ma gli uomini di Spalletti stanchi si sono fatti sorprendere da un gol di Hericksen. Penalizzata la rosa nerazzurra dalle condizioni del Ninja costretto ad uscire prima della fine del primo tempo, il trequartista ex Roma faticava in campo e correva dolorante, ha cambiato i piani di Spalletti che però ha trovato una soluzione in Borja Valero che ha fatto un’ottima partita e ha retto bene il centrocampo facendo possesso e recuperando palle. Gli uomini di Spalletti pagano un po’ la differenza fisica e rischia qualcosa sui passaggi, come nel caso del gol nato da un’incomprensione sulla fascia sinistra tra i difensori e i centrocampisti.
Un girone difficile che l’Inter ha giocato come ha potuto e giocherà fino all’ultima partita per passare agli ottavi. All’Inter però

Leggi anche:  Roma, al via l'accelerata per l'attaccante svedese
MILAN, ITALY - DECEMBER 16: FC Internazionale Milano coach Luciano Spalletti gestures during the Serie A match between FC Internazionale and Udinese Calcio at Stadio Giuseppe Meazza on December 16, 2017 in Milan, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

non basta vincere in casa con il PSV e deve sperare anche nella vittoria del Barcellona sul Tottenham. A differenza dell’Inter, l’altra italiana ancora in discussione è il Napoli che passerà agli ottavi se batterà il Liverpool. La squadra di Ancelotti può decidere le sorti del suo percorso in Champions segnando almeno un gol, questo basterà anche in caso di sconfitta. Con la vittoria al San Paolo, gli azzurri si confermano in testa al girone, imbattuti con la soddisfazione di Carlo Ancelotti e il ritorno al gol del capitano Marek “marechiaro” Hamsik. Il Napoli all’Anfield andrà forte e a testa alta consapevole di giocare la sua partita e di far paura a tutti in Europa, e non solo. La corsa per agganciare la Juventus in campionato dopo lo stop del pari con il Chievo, ora c’è l’Atalanta che ha già fermato l’Inter con 5 gol la linea di 7 vittorie consecutive. Protagonista della serata al San Paolo, oltre al capitano, anche Dries Mertens che segna e si afferma sempre di più nel cuore dei napoletani che insieme ad Ancelotti fa la storia del Napoli che per la prima volta con 5 giornate imbattuto in Champions.

  •   
  •  
  •  
  •