Juventus-Manchester United: all’Allianz Stadium non basta lo splendido gol di Ronaldo

Pubblicato il autore: Margot Grossi Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

In una splendida atmosfera, all’Allianz Stadium, va in scena la quarta giornata di Champions League che vede affrontarsi Juventus-Manchester United.

L’ex Pogba viene accolto con applausi e una standing ovation dal suo vecchio pubblico. Tanti sono i tifosi che aspettano gioiosi il suo ritorno a Torino. Il giocatore francese, con alle spalle un passato molto bello con la società bianconera, è voluto bene da tutti, ma per ora il vice Presidente Nedved ha lasciato intendere che se ne parlerà in futuro.

Allegri schiera un 4-3-3, con Szczęsny a difendere i pali ; a partire dalla fascia destra De Sciglio, affiancato dai centrali Bonucci e Chiellini e Alex Sandro sulla fascia sinistra; centrocampo a tre con Khedira, Pjanić e Bentancur; in attacco il tridente formato da Cuadrado, Dybala e C.Ronaldo.

Leggi anche:  Dove vedere Olanda-Repubblica Ceca, streaming e diretta tv in chiaro RAI?

Il clima è caloroso e Mourinho chiede pressing alto ai suoi uomini.
Al quarto minuto Cristiano Ronaldo colpisce il pallone al volo ma il suo tentativo è fermato da un difensore.

Dopo un primo tempo con poche emozioni, al 65′ è Ronaldo a sbloccarla e a segnare il gol numero 121 in Champions League.
All’86’, però, Mata pareggia per i Red Devils e rovina il bel momento della Juve, che per ben 86minuti aveva dominato rimanendo in vantaggio.
Al 90′ è evidente il crollo dei padroni di casa, che si siglano un’autorete per mano di Bonucci dove influisce anche il tocco ultimo di Alex Sandro.
Dopo il triplice fischio Mourinho provoca e risponde ai tifosi della Juventus, che lui stesso accusa di averlo insultato per tutti i novanta minuti.
Termina così un match coinvolgente, dove la Juventus non è riuscita a chiudere la partita e alla fine ha pagato, ma che rimane ancora in testa alla classifica con 9 punti nonostante la sconfitta amara.

Leggi anche:  Juventus, spunta il talento danese nella lista degli obiettivi di mercato

Queste le parole del tecnico bianconero nel post partita: “Bisogna accettare questa sconfitta e soprattutto farne tesoro”.
Commenta poi la stretta di mano con Mourinho: “Io ho le mie reazioni, lui ha le sue. Non sto a giudicare quello che fanno gli altri, posso soltanto giudicare ciò che ha fatto la mia squadra in campo. E ha giocato molto bene, ma il nostro problema è quello di non riuscire a portare le partite sul 2-0, 3-0.

Sfortunata la Juve, che finora non aveva subito alcun gol in Champions League e ne subisce prima uno su calcio piazzato, poi un autogol su disattenzione della difesa: “Devi stare attento, non puoi pensare che una squadra, la quale usare le palle inattive è ciò che di meglio sa fare, non segni mai.
Mata è un grande calciante e lo sappiamo”.

Sul numero 9 che sembra essersi finalmente sbloccato ha dichiarato:Ronaldo ha fatto un bel gol e Bonucci un bell’assist, ma purtroppo il finale non è stato come desideravamo. Il destino è ancora nelle nostre mani, perché potevamo invertire ancora una volta il risultato e cioè magari perdevamo a Manchester e vincevamo oggi. Abbiamo la possibilità di arrivare primi tranquillamente e qualificarci! Il rammarico c’è perché è stata una partita che la Juventus avrebbe potuto chiudere prima”.

 

  •   
  •  
  •  
  •