Coppa Olanda, ragazza senza vestiti invade il campo (VIDEO)

Pubblicato il autore: rossellagrasso Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Seduta in curva allo stadio ed avvolta da un lungo cappotto, ha atteso il 20′ del primo tempo, momento in cui le hanno fatto segno di togliersi il pastrano,  invadere il campo nuda e sventolare la bandiera lenzuolo dei padroni di casa.

E’ accaduto sabato scorso durante il match fra Rijnsburg Boys contro AFC Amsterdam, squadre di 3 divisione per la coppa d’Olanda. Risultato finale un netto 6-2 a favore degli ospiti.

La bionda trentenne è scesa fra i giocatori che, perplessi e confusi di fronte al corpo nudo che velocemente si aggirava fra loro, hanno regalato una manciata di spettacolo supplementare al pubblico. “Volevamo distrarre la squadra avversaria” ha affermato il portavoce dei Rijnsburg Boys, mirando ad una bravata che non è stata neppure penalizzata dall’arbitro: la partita è stat sospesa per pochi minuti, la ragazza è uscita con suole di vento per ritornare in curva e riavvolgersi dentro il suo cappotto con una bevanda calda.
La vicenda di per sè non è importante, episodio ripetuto in altre partite e neppure  troppo geniale da parte degli organizzatori. La spogliarellista fa parte di un agenzia di modelle ed ha eseguito quanto le era stato commissionato, la notizia ha riempito internet mentre lei rimane l’anonima esecutrice di uno scherzo. Niente di immorale.

Leggi anche:  Bologna-Arnautovic c'è l'accordo: per la difesa uno tra Lyanco e Benatia

Ma ve lo immaginate se fosse accaduto in Italia in una fredda domenica di campionato serie A? Come avrebbe reagito lo stadio, i rappresentanti delle società di calcio seduti in tribuna, i giocatori in campo, i tifosi curva nord  curva sud, l’opinione pubblica, i mass media e le mamme che la domenica sera preparano le minestre mentre i telegiornali  informano?

Un boato di commenti rivolti al turbamento. Televisioni, radio, giornali, social, tutti a discutere dell’evento, lo strillone ed i suoi titoli, paroloni roboanti, ammonizioni comportamentali, filosofie sulla sportività, battute chiassose, chissà poi l’arbitro come avrebbe reagito… sembra quasi impossibile pensare che chi modera una partita di calcio possa fare spallucce se si trova di fronte una ragazza nuda. Ma come si fa a far finta di niente!

E’ questa la differenza fra i meridiani longitudinali terrestri, fra la cultura del vichingo e la cultura del popolo latino, loro distaccati e noi passionali, loro che ci ridono su per pochi minuti, e noi che polemizziamo  per settimane, loro che tornano a casa e ci bevono sopra una birra, noi che tanto non accadrà mai di vedere una tipa nuda sui campi di calcio, prima di arrivare sul pallone deve attraversare troppe barriere. Gnà fà.

  •   
  •  
  •  
  •