Coppa del Re, Barcellona-Real Madrid. Il Clasico finisce 1-1

Pubblicato il autore: Giuseppe Ortu Segui

Al Camp Nou finisce in parità 1-1. A Lucas Vasquez replica Malcom nella ripresa. La finalista uscirà dalla sfida del ritorno a fine febbraio al Bernabeu. Quello di questa notte è stato un incontro molto equilibrato. Il Madrid ha ritrovato i suoi giocatori migliori (Kroos, Varane, Bale, Navas), e d’improvviso, anche la migliore versione.

Il Barça è rimasto sorpreso all’inizio della gara dall’efficacia e velocità dei blancos. Partiti con piglio deciso e sicuro, sono stati subito pericolosi, costringendo Ter Stegen alla parata. Dopo pochi minuti, la rete degli ospiti. Doppio errore di Jordi (scavalcato da un traversone per Benzema) e Lenglet (anticipato da Vasquez che ha girato in rete l’assist del numero 9 del Madrid).
La squadra di Valverde ha patito molto l’intraprendenza e la freschezza del Real Madrid. Nei primi quarantacinque minuti il Madrid ha conquistato il centrocampo e per ampie frazioni di gioco anche il possesso palla, apparendo molto più sicuro e sciolto dei blaugrana. Molto male Coutinho, inesistente per tutta la prima frazione di gioco. Il più efficace tra gli azulgrana è stato Malcom, sostituto di Messi, inizialmente accomodatosi in panchina. Attivo e partecipativo, il numero 14 ha giocato molti palloni, si è fatto trovare libero di ricevere e si è trasformato in una spina nel fianco destro dello schieramento di Solari. Nei primi 45 minuti spaesati del Barça, l’occasione migliore è capitata sulla testa di Rakitic. Il croato ha trasformato un cross in area in una pericolosa conclusione che si è stampata sulla traversa a portiere battuto. Navas è stato pronto anche su una pericolosa conclusione di Suarez deviata in corner dal portiere costaricense.

Leggi anche:  Thiago Motta dopo la sconfitta contro la Samp: "Pensiamo già alla prossima partita. Nzola sta tornando in condizione"

La ripresa ha visto un Barcelona più competitivo con Messi ancora seduto in panchina. Il gioco è passato dai piedi dei giocatori del Madrid a quelli del Barça. Più equilibrato, il Barcelona è stato in grado di gestire meglio la partita e trovare le opportune contromisure al centrocampo blanco.

La rete del pareggio è giunta al 57‘. Fuga di Jordi sulla sinistra. Navas, in uscita, è riuscito a rimpallare la conclusione del laterale. Sulla respinta si è materializzato Coutinho per l’unica giocata meritoria di tutta la partita. La conclusione a rete da posizione molto angolata da fuori area del brasiliano è andata a sbattere contro il palo. Il pallone, schizzato nel lato corto di destra dell’area di rigore, ha incontrato i piedi di Malcom. Il 14, sebbene da posizione impossibile, ha calciato in porta centrando il bersaglio grande sebbene fosse attorniato da due difendenti del Madrid. La rete del pareggio e l’ingresso in campo di Messi al posto di Coutinho, hanno acceso ancora di più la partita.

Leggi anche:  Juric dopo la vittoria contro il Genoa: "Il rientro degli attaccanti fondamentale. Su Belotti..."

Il Madrid si è sentito improvvisamente vacillare nelle sue sicurezze e ha forzato gli interventi fallosi nei confronti dei giocatori di casa, già sufficientemente duri anche nella prima frazione di gioco. Matheu Lahoz, mai amato dalle parti del Camp Nou, ha fatto spallucce voltandosi spesso dalla parte opposta in un atteggiamento di pilatesca memoria. E fu così che Ramos e Marcelo riuscirono a restare in campo fino alla fine dell’incontro senza lasciare i compagni in 10 uomini come avrebbero meritato in più di una circostanza.
La partita è andata avanti fino alla conclusione con azioni furiose del Barça nel tentativo di agguantare la vittoria, e velocissimi contropiedi dei merengues.
Fra 15 giorni, al Bernabeu, si deciderà tutto.

  •   
  •  
  •  
  •